Autore Topic: Perchè ARCHEOLOGI DELL'ARIA e alcune regole da leggere prima di entrare.  (Letto 4743 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Archeologi dell'Aria

  • Moderatore Globale
  • Post: 11
Archeologi dell’Aria è riconosciuta dallo Stato Italiano come Associazione di Promozione Storico Culturale ed è registrata con statuto e regolamento interno presso l’Agenzia delle Entrate con codice fiscale: 93088740381 - La sede è a Ro Ferrarese (Fe) in via Roma 11/a

Archeologi dell'Aria è una Associazione NO PROFIT e APARTITICA formata da appassionati accomunati da un’ inguaribile ossessione: ritrovare ciò che rimane dei relitti degli aerei della Seconda Guerra Mondiale. Siamo VOLONTARI ed operiamo a titolo gratuito.

Cacciatori di CRASH POINT, gli Archeologi dell’Aria, pur provenendo dai mestieri più disparati, si ritrovano in questa comunità per dare libero sfogo all’inguaribile passione di cercare, catalogare, identificare e ridare una storia agli aerei caduti nella nostra terra durante l’ultimo conflitto. Il confronto incrociato delle conoscenze di ognuno dei membri di Archeologi dell’Aria e lo scambio continuo e proficuo di informazioni ha fatto sì che questa comunità sia divenuta un punto di riferimento internazionale non soltanto per curiosi, ma anche per esperti del settore.

La squadra di Archeologi dell’Aria, oltre a lavorare a livello cartaceo ed archivistico, si muove in due distinte direzioni: da una parte raccoglie le testimonianze dirette di chi gli eventi li visse, dall’altra scende in azione perlustrando le campagne italiane alla ricerca di frammenti di parti meccaniche o elettriche o semplici pezzi di metallo “avio”.

Perché anche un insignificante frammento aeronautico, nelle mani dei ricercatori, ritorna in qualche modo a vivere raccontando una storia incredibile, di guerra, strategia, ma soprattutto degli uomini che vi hanno partecipato, degli uomini che vi hanno perso la vita.
Dall’analisi dei frammenti e dalle ricerche negli archivi militari, un pezzo di alluminio con mezzo numero di matricola, per chi li sa leggere ed interpretare, possono condurre a dare un nome e un volto ai protagonisti delle battaglie aeree cui i nostri cieli fecero da fondale. Piano piano, tra successi e fallimenti, il relitto di un aereo che per decenni è rimasto muto nella terra, incomincia improvvisamente a raccontare la sua storia, la sua missione, la sua fine.

Non ultimo, emerge l’aspetto umano: mentre gli aerei ricomposti finiscono nei musei, i piloti “parlano” attraverso i loro effetti personali che riemergono tra i rottami del proprio aereo. Ridare volto a chi visse la tragedia della guerra e dignità a chi rimase disperso, è infine l’aspetto più profondo che identifica l’operato di Archeologi dell’Aria.

Sono ben 7, fino a ora, gli aviatori identificati: quattro della RAF e tre dell'USAAF, l'Aviazione Americana. Tra recuperi e sondaggi, dal 2009, abbiamo localizzato quasi 40 velivoli caduti dal Nord al Centro Italia.

Oltre a essere in contatto con l'ambasciata inglese e americana di Roma, Archeologi dell'Aria collabora anche con il US Army Memorial Affairs Activity - Europe (USAMAA-E) e il DPAA (Defense POW/MIA Accounting Agency) due agenzie del Dipartimento della Difesa statunitense, per importanti missioni da svolgere in territorio italiano alla ricerca di militari dispersi.

Archeologi dell'Aria opera nei seguenti ambiti:
-Ricerca sul territorio nazionale di aerei precipitati nel XX secolo con particolare riferimento alla Seconda Guerra Mondiale.
-Ricerca e recupero di piloti e membri d'equipaggio dispersi sul territorio nazionale con prorpia strumentazione, mezzi e supporto logistico.
-Raccolta, identificazione, conservazione e salvaguardia di materiale aeronautico inerente la Seconda Guerra Mondiale in Italia.
-Salvaguardia del patrimonio orale di testimoni che assistettero e vissero in prima persona gli eventi legati all’aviazione e alla guerra in Italia.
-Ricerca storico archivistica dei documenti inerenti la storia dell’aviazione e dei piloti con particolare riferimento alla Seconda Guerra Mondiale e alla relativa guerra aerea.
-Attività di diffusione storico culturale dei fatti e degli eventi legati all’aviazione italiana e straniera in tutto il territorio nazionale mediante mostre e convegni.
Il nostro sito è raggiungibile al seguente indirizzo: www.archeologidellaria.org
Per informazioni: ada.archeologidellaria@gmail.com

La registrazione nel forum AdA non comporta l'attribuzione a SOCIO o MEMBRO dell'Associazione Archeologi dell'Aria.

Ada - Archeologi dell'Aria - Associazione di Promozione Storico Culturale.


POCHE REGOLE PER STARE BENE

1 ) Prima di intervenire nel forum vi chiediamo di presentarvi con il vostro nome e due righe, va bene anche un saluto! Dovete farlo nel "SALVE MI PRESENTO"

2 ) Evitate di offendere gli altri membri del forum per non costringere gli amministratori/moderatori a
     prendere decisioni drastiche.

3 ) Non è consigliabile scrivere tutto il post in maiuscolo, in quanto equivale a gridare.

4 ) Cercate di inserire le discussioni nelle sezioni dedicate al vostro argomento.
     Le discussioni che si trovano nelle sezioni sbagliate, verranno spostate o eliminate, se avete dei problemi basta chiedere.

5 ) Prima navigare nelle migliaia di discussioni è preferibile usare la funzione Ricerca

6 ) Evitate di andare off-topic: cioè non andate al di fuori dell'argomento del topic in cui state scrivendo. Se si parla di B-24... non introducete i piatti prelibati della nonna!

7 ) Niente pornografia, razzismo o politica. Ci sono altri siti e forum molto più adatti a questo tipo di argomento.

8 ) L'utente è responsabile di quello che scrive o pubblica.

9) L'amministrazione di questa comunità e l'Associazione Archeologi dell'Aria, non è responsabile dei contenuti pubblicati dagli utenti.

10) Potete esprimere tutte le opinioni che volete all'interno del forum, ma fatelo in maniera rispettosa ed educata.

11) Per ciò che riguarda armamento, munizionamento, esplosivi, la trattazione in questa sede è solo di carattere storico/tecnico e similare, giacchè il rinvenimento, detenzione o qualsivoglia possesso sono regolamentate e/o espressamente vietate da norme di Legge.

I moderatori si riservano il diritto di cancellare utenti sgraditi e discussioni "fuori posto"
Grazie

Buona permanenza

ARCHEOLOGI DELL'ARIA
 
« Ultima modifica: 02 Feb 2017, 18:41:04 da Fabio »