Autore Topic: presentazione  (Letto 3020 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline giannijb

  • Post: 12
Re:presentazione
« Risposta #15 il: 19 Nov 2019, 15:21:33 »
eccomi
sono stato a prendere le misure  la pala è lunga 1.60 mt in larghezza 33 cm



Offline giannijb

  • Post: 12
Re:presentazione
« Risposta #16 il: 19 Nov 2019, 15:34:38 »
una parte del motore??

Online Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6200
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re:presentazione
« Risposta #17 il: 19 Nov 2019, 16:33:35 »
eccomi ancora qui
 :yahoo:  sono stato informato che fortunatamente l elica si trova depositata in un area. a breve dovrei riuscire a vederla...
Nel frattempo mi sono documentato un po in rete è correggetemi se sbaglio il b 24 montava un motore Pratt & Whitney R-1830, mentre il b 17 un Wright R-1820. ma le eliche montate su quei motori diversi,  erano identiche se non addirittura intercambiabili.
Chiaramente se dico baggianate chiedo scusa.
Ne montava 4
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline giannijb

  • Post: 12
Re:presentazione
« Risposta #18 il: 19 Nov 2019, 18:43:44 »
quattro tipi di eliche??
I motori so che sono quattro la mia domanda era per capire se il motore 1820 e quello 1830 montassero lo stesso tipo di elica...
Ma come per come mi ha risposto freddy. le eliche erano diverse. cambiavano di dimensione.

Offline Freddy

  • Post: 1045
Re:presentazione
« Risposta #19 il: 20 Nov 2019, 22:57:44 »
Mi scuso ma devo correggere quanto avevo scritto in un mio precedente post riportando le misure delle pale dell'elica dei B-17 e B-24. I dati che avevo citato erano stati desunti da alcuni post su un forum statunitense ma, a quanto pare, non erano corrette.
Ho trovato un interessante documento con un elenco dei tipi di eliche e regolatori di passo montati sugli aerei statunitensi del tempo di guerra.
Ne ho tratto una tabella con i dati relativi a tipi di aerei impiegati in Italia e che montavano il mozzo tipo 23E50, quello che si vede nella tua foto. In realtà le possibilità si restringono a tre velivoli, il B-17, il B-24 e il C-47.
Come vedrai dagli allegati, i diametri delle eliche sono solamente due, 11 piedi e 7 pollici oppure 12 piedi e 1 pollice ma quest'ultima misura si riferisce esclusivamente a B-24 delle versioni A, B e C. Nessun esemplare di queste prime versioni, per quanto ne so, fu utilizzato nell'ETO a parte, forse, qualche esemplare dei 20 B-24 A (su 28 prodotti in totale) ceduti alla RAF come LB-30B.
Dunque, sembrerebbe che le eliche dei tre tipi di velivoli citati fossero, almeno riguardo al diametro, tutte uguali e cioè con un diametro di circa 3,56 metri e quindi 1,78 m. di raggio (comprendendo ovviamente anche il mozzo).
A questo punto la misura di circa 160 cm che tu hai rilevato riguardo alla sola pala è coerente.
Capire, quindi, di che tipo di aereo si tratti sulla sola base della misura dell'elica è oggettivamente impossibile.
Dalle foto che hai postato, però, si riesce ad intravvedere parte del carter del riduttore di giri e questo, ma è solo una mia impressione, è molto simile a quello del B-17 che non è bombato come quello degli altri due aerei che montavano i Pratt & Whitney R-1830. Ripeto, però, che è solo una mia ipotesi.
Ad ogni modo, allego sia il Manuale sia la mia tabella.

Offline giannijb

  • Post: 12
Re:presentazione
« Risposta #20 il: 21 Nov 2019, 15:37:37 »
Grazie Freddy dal prezioso aiuto
Come dicevo nei precedenti post. cercando in rete su forum americani ero arrivato alla conclusione che i veicoli che montassero quel elica fossero appunto  i b-17 b-24 c-47. ma adesso grazie alle tue informazioni mi sento sollevato.
Correggimi se sbaglio... se adesso si trova una prova certa del motore possiamo escludere un veicolo o due???visto che il b-17 monta il R-1820 mentre b-24 e c-47 montano il R-1830.
Per quanto riguarda il riduttore di giri.Anche in questo caso la mia ricerca si è fossilizzata su quello, ed un particolare mi ha portato a pensare che il riduttore fosse quello del R-1830.
Questo è il particolare che sempre cercando in rete ho accostato al riduttore del R-1830
Io sto provando a fare del mio meglio pero la vostra esperienza ed il vostro aiuto per me sono fondamentali.
Grazie Freddy cosa ne pensi??

Offline Freddy

  • Post: 1045
Re:presentazione
« Risposta #21 il: 22 Nov 2019, 11:02:32 »
Penso che tu abbia ragione. Non avevo notato la flangia di supporto degli ingranaggi del variatore di passo. Da quello che ho potuto vedere, alla veloce, in alcuni spaccati di due diversi variatori, uno montato sul R-1820 ed un altro montato sul R-1830, le piastre a semiluna sembrerebbero essere presenti su variatore del 1830. Dico sembrerebbe perché non conosco bene questi meccanismi e vado un po' a naso. Per esempio non saprei se questi riduttori potessero essere montati o meno su entrambi i motori. Bisognerebbe fare una ricerca più approfondita ma al momento non ho gran che tempo a disposizione visti alcuni problemi familiari che sto avendo. Magari riprenderò il discorso tra qualche tempo.
Comunque sia, se si trattasse proprio di un P.&W. R-1830 allora dovremmo cercare un B-24 oppure, ma è molto meno probabile, un C-47.
Io ho una serie di punti relativi a crash di aerei americani ma sono coordinate leggibili solo tramite Google Earth e io non sono in grado di installare più Google Earth su questo computer. Ho provato in mille modi ma non vuole saperne di terminare l'installazione.
Quei punti sono stati posizionati sulla base delle cartine presenti sui MACR e pertanto, spessissimo, sono completamente errati. Proverò a installare Earth su un altro computer che ho e che è più aggiornato ma, come dicevo, in questi ultimi tempi ho alcuni problemi.

Offline giannijb

  • Post: 12
Re:presentazione
« Risposta #22 il: 22 Nov 2019, 15:41:22 »
grazie ancora freddy...
o adesso sono ad un punto morto...
Le uniche ricerche che posso fare sono di sapere con esattezza il punto dove si trova il relitto sconosciuto del (grande aereo). e se l elica che stiamo studiando, sia stata pescata in quella zona.
Poi . mettermi in contatto con il museo di vigna di valle per scoprire se si sa qualcosa dei pezzi recuperati nelle acque del porto nel 2013.
Poi per il resto di crash point in mare di coordinate e MACR io non conosco niente posso solo sperare nel aiuto di questo forum.
Ti auguro di affrontare al meglio i tuoi problemi famigliari...  :victory: