Autore Topic: Libro interessante  (Letto 115 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Al

  • Post: 417
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Libro interessante
« il: 05 Set 2019, 13:46:36 »
Buongiorno a tutti.
Segnalo una interessante riedizione.
"I relitti del golfo di Venezia".
Il libro è stato pubblicato a cura della Regione del Veneto per distribuzione gratuita e ristampato da poco perché esaurito, da richiedere alla dottoressa  Marina Aurighi marina.aurighi@regione.veneto.it
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Al

  • Post: 417
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re:Libro interessante
« Risposta #1 il: 05 Set 2019, 14:18:16 »
P47
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Freddy

  • Post: 1031
Re:Libro interessante
« Risposta #2 il: 13 Set 2019, 20:08:45 »
Già, quello nelle foto è il P-47D-16-RE, s/n 42-75967 del 1st.Lt Morgan H. Lowry del 318th FS, 325th FG, trovato da Danilo Pellegrini nel 1983 e da lui raddrizzato per verificare che non ci fossero resti umani a bordo. Alcuni mesi dopo lo aveva imbracato e spostato di un miglio verso nord ovest, con il suo pontone, per evitare che fosse completamente spogliato dai sub veneti che in qualche modo erano venuti a conoscenza del relitto.
Il motore, era stato trovato staccato dall'aereo e recuperato immediatamente al momento del ritrovamento.
Dopo il recupero, e diverse vicissitudini, era stato portato al museo dell'Arsenale della Marina a Venezia, dove era rimasto per alcuni anni e poi era stato ceduto (non si è mai capito bene come e perchè) a Giuseppe Versolato che ne aveva curato un sommario restauro.
Fino a pochi anni fa era esposto al Dal Molin a Vicenza con l'assegnazione errata, nell'etichetta, ad un altro P-47 caduto fuori Caorle ma quello era un Bubble Top e quindi con un elica di tipo diverso. A parte che le capottature avevano conservato miracolosamente la colorazione rossa tipica del 325th Fg.
L'aereo era stato colpito sopra Grado il 30 gennaio 1944, prima dal Mar. Magnaghi e poi da Luigi Gorrini. Il pilota aveva cercato di rientrare o di riparare in Jugoslavia. Non si sa come sia andata ma l'aereo è stato trovato capovolto, con abitacolo aperto, carrello esteso e privo dei timoni di coda.
Il pilota comunque si era lanciato ed era stato avvistato da un altro pilota del 325th FG, salvo e dentro il suo battellino. Quella era stata l'ultima volta che era stato visto. Attualmente è ancora MIA.
Nota interessante: la bussola, strappata dai sopracitati sub qualche anno dopo il ritrovamento, è ora in proprietà privata a Milano e, sempre miracolosamente, continua a funzionare come se fosse nuova.
Parte dell'aereo, ormai completamente smembrato, era poi stata recuperata dal peschereccio "Padre Pio" di Chioggia e successivamente, dopo che era stata abbandonata per almeno un anno sul molo, era stata ceduta ad un'associazione di Thiene che ne doveva curare il restauro. Il caso era finito su tutti igiornali e se n'è parlato anche sul forum.
E' da anni che non ne so più niente e forse giace in qualche cappannone in preda alla corrosione e al degrado. E dire che, nel 1983, era quasi intatto a parte la mancanza dei timoni di coda.
Solo uno dei cannoncini alari era stato recuperato nei primi tempi e ho la foto con il numero di matricola. Questo, purtroppo, non coincide con i numeri di serie delle armi dell'aereo di Lowry. Potrebbe essere stato sostituito con uno di ricambio perché nei tabulati del NARA non risulta essere stato montato in origine su alcun aereo USA. 
Come si vede il caso è ancora aperto e se qualcuno ha ulteriori informazioni, specialmente riguardo ai numeri di serie delle altre armi, sarebbe estremamente interessante confrontarli con quelli elencati nel MACR.
« Ultima modifica: 13 Set 2019, 21:25:04 da Freddy »