Autore Topic: Imparate come si racconta la storia. O, meglio, le storielle...  (Letto 338 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline kanister

  • Post: 795
Su un giornale di oggi, che non merita di essere nominato, viene riproposta la ricorrente storia del primo ministro rodesiano Ian Smith e del suo coinvolgimento nella seconda guerra mondiale e nella resistenza ligure.
Lo scribacchino che la racconta non si è preso minimamente la briga di verificare, non dico attraverso libri o riviste, ma semplicemente tramite internet, se quanto scrive è corretto ed aderente alla realtà.

Vediamo qualche punto:
- intanto lo Spitfire pilotato da Smith fu colpito dall'antiaerea in un'incursione sullo scalo merci di Alessandria, e cercò di spostarsi verso il mare.
Vedendo di non farcela, decise di lanciarsi con il paracadute. Mi piace il discorso del tentativo di atterraggio, considerando che si schiantò contro il fianco di una collina e che da quelle parti è difficile trovare un fazzoletto di terreno in piano.
- Smith fu accolto da una famiglia che aveva la casa vicino al punto di caduta dell'aereo e li rimase per due o tre mesi, sino a quando non fu prelevato (si, prelevato a forza) da un gruppo di partigiani.
Se consideriamo che ciò avvenne a fine agosto-inizio settembre e a fine ottobre era già rientrato nelle linee alleate mi chiedo per quanto tempo abbia militato "volontariamente" tra i partigiani.

Ma l'importante è santificare sempre la resistenza.

« Ultima modifica: Maggio 23, 2017, 23:12:11 da mazwork »


Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

Offline sergio5959

  • Post: 287
Re:Imparate come si racconta la storia. O, meglio, le storielle...
« Risposta #1 il: Maggio 12, 2017, 22:51:33 »
Sono dello stesso parere di Kanister
Per creare la mitologia della resistenza nel corso del tempo sono state dette talmente tante menzogne da renderla irreale, mitologica appunto.
« Ultima modifica: Maggio 23, 2017, 23:13:30 da mazwork »

Offline u03205

  • Post: 68
Re:Imparate come si racconta la storia. O, meglio, le storielle...
« Risposta #2 il: Maggio 21, 2017, 15:07:55 »
Quindi la resistenza non sarebbe altro che una raccolta di storielle?
« Ultima modifica: Maggio 23, 2017, 23:13:08 da mazwork »

Offline kanister

  • Post: 795
Re:Imparate come si racconta la storia. O, meglio, le storielle...
« Risposta #3 il: Maggio 21, 2017, 15:47:23 »
quindi la resistenza non sarebbe altro che una raccolta di storielle ?

Ciao armadietto, è un po' che non ci sentiamo.
Non dico questo: affermo solamente che chi mitizza in questo modo i fatti reali compie l'atto peggiore proprio contro la vera resistenza.
Tra mille anni verrà considerata alla stessa stregua dei racconti di Omero.
Dato che sei specializzato in ricerche in rete, vedi un po' come si comportò Smith quando negli anni settanta venne a Genova: era così contento di essere stato prelevato con il mitra allo stomaco che non andò nemmeno a cercare chi lo "salvò".
« Ultima modifica: Maggio 23, 2017, 23:12:40 da mazwork »
Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

Offline starfighter

  • Post: 150
  • Ricercatore Storico
Re:Imparate come si racconta la storia. O, meglio, le storielle...
« Risposta #4 il: Maggio 24, 2017, 11:59:38 »
Non mi stupisce affatto questo articolo che si somma ad altre migliaia di articoli scritti da persone incompetenti e dirette a persone altrettanto (non per loro colpa) incompetenti in materia.

Perchè alla stampa non importa informare ma sfornare articoli che facciano sensazione, poi che quello scrivono sia vero o meno a loro non può importare di meno....

Star
Senza passato non c'è futuro