Autore Topic: Chioggia (VE) recuperato P-47  (Letto 62395 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6268
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #30 il: 08 Mar 2010, 22:13:13 »
http://www.labrunda.info/public/WorldWarII/MikeLaBrunda/Photos/VeronaItaly.jpg

non so...  non dico di rimanere indifferente a quanto ci propinano i media tra kamikaze, attentati e esplosioni... ma foto come questa, dopo 70, fanno venire i brividi.

http://www.labrunda.info/public/WorldWarII/MikeLaBrunda/Photos/VeronaItaly.jpg
Chioggia (VE) recuperato P-47
Presidente di Archeologi dell'Aria APS

Offline francesco

  • Post: 330
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #31 il: 09 Mar 2010, 15:25:04 »
http://www.labrunda.info/public/WorldWarII/MikeLaBrunda/Photos/VeronaItaly.jpg

non so...  non dico di rimanere indifferente a quanto ci propinano i media tra kamikaze, attentati e esplosioni... ma foto come questa, dopo 70, fanno venire i brividi.

http://www.labrunda.info/public/WorldWarII/MikeLaBrunda/Photos/VeronaItaly.jpg
Chioggia (VE) recuperato P-47


Caro Fa', sto analizando a fondo la foto di Mike, del bombardamento del 30.12.1943 di Padova.

La Chiesa degli Eremitani e' ancora su',( non so' se questi sono gli ultimi minuti di integrita', o se fu distrutta nelle successive sweeps del '44).
Controllero'.
Molte bombe esplodono oltre la Stazione Centrale ferroviaria, nella immediata propagine del quartiere dell'Arcella, che si trova alle sue spalle.

L'Ospedale Militare, (contrassegnato abbondantemente con bandiere della Croce Rossa, lungo tutto il perimetro dei tetti), viene lambito gia' dalle prime esplosioni...
L'Ospedale Militare, lambisce l'Ospedale Geriatrico.

Mi viene da considerare che:
Non erano bombardamenti di precisione.
Che la Convenzione di Ginevra, non era assolutamente tale.

volto71

  • Visitatore
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #32 il: 09 Mar 2010, 16:23:47 »
Citazione
La Chiesa degli Eremitani e' ancora su',( non so' se questi sono gli ultimi minuti di integrita', o se fu distrutta nelle successive sweeps del '44).

Effettivamente la Chiesa degli eremitani venne colpita durante il bombardamento dell'11 marzo 1944...giornata piena zeppa di abbattimenti per ANR,Lutfwaffe e Usaf...un'americano divenne asso abbattendo Boscutti quel giorno!

Offline francesco

  • Post: 330
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #33 il: 09 Mar 2010, 17:55:47 »
Citazione
La Chiesa degli Eremitani e' ancora su',( non so' se questi sono gli ultimi minuti di integrita', o se fu distrutta nelle successive sweeps del '44).

Effettivamente la Chiesa degli eremitani venne colpita durante il bombardamento dell'11 marzo 1944...giornata piena zeppa di abbattimenti per ANR,Lutfwaffe e Usaf...un'americano divenne asso abbattendo Boscutti quel giorno!

Gia', chissa', magari un mitragliere Italoamericano, come Mike La Brunda.

Se ce la faccio, giovedi' porto un fiore a Giovanni Battista Boscutti, a Correzzola.

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6268
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #34 il: 09 Mar 2010, 22:22:41 »
un sabato no?
Presidente di Archeologi dell'Aria APS

micky.38

  • Visitatore
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #35 il: 10 Mar 2010, 09:06:12 »
La Chiesa degli Eremitani e' ancora su',( non so' se questi sono gli ultimi minuti di integrita', o se fu distrutta nelle successive sweeps del '44).
Controllero'.
Molte bombe esplodono oltre la Stazione Centrale ferroviaria, nella immediata propagine del quartiere dell'Arcella, che si trova alle sue spalle.

L'Ospedale Militare, (contrassegnato abbondantemente con bandiere della Croce Rossa, lungo tutto il perimetro dei tetti), viene lambito gia' dalle prime esplosioni...
L'Ospedale Militare, lambisce l'Ospedale Geriatrico.

Mi viene da considerare che:
Non erano bombardamenti di precisione.
Che la Convenzione di Ginevra, non era assolutamente tale.

Caro Francesco, detto così la questione viene ridotta ad un semplicismo giornalistico.... la questione è molto più complessa, e va collocata all'interno del suo contesto storico.
E' sbagliato, dal mio punto di vista (che cerco di contenere in ambito storico) dare giudizi tranchant: devi considerare il contesto, le circostanze e i mezzi a disposizione. Perchè in effetti, quello FU un bombardamento di precisione, come tanti altri effettuati dalla 15th e dall'8th air force americana.... Dal 1943, periodo in cui si delineò la "Air Combined Offensive" di Raf e Usaaf contro i paesi dell'Asse, si delimitarono le rispettive aree di competenza, che delegarono alla RAF il "Carpet Bombing" notturno, detto anche bombardamento ad aree, in cui una determinata area di tot km quadrati veniva semplicemente spianata, e il (sic) "bombardamento diurno di precisione" degli americani, che dotati di (allora, nota bene) mezzi tecnologicamente più avanzati, potevano "sperare" di collocare un ACCETTABILE numero di bombe ENTRO UN RAGGIO DI 300 METRI dal punto di mira... QUESTO secondo i canoni di allora era considerato un bombardamento di precisione.
La realtà è che la Convenzione di Ginevra fu DISATTESA DA TUTTI i contendenti: la convenzione prevedeva anche di NON COLLOCARE NELLE VICINANZE di possibili obiettivi (ad esempio una stazione) STRUTTURE DI USO CIVILE ED OSPEDALIERO. Non posso in queste poche righe citare tutti gli esempi, posso solo dire che in guerra non esistono buoni o cattivi, per citare fenoglio posso dire in guerra esistono solo casi estremi, non esistono "buoni o cattivi", esiste solo la guerra e le sue ragioni. Per tornare alla questione, posso citarti i ripetuti appella della direzione del Manicomio Civile di Reggio Emilia alle autorità militari di allora che chiedevano insistentemeente lo sfollamento dei degenti. Il permesso fu SEMPRE negato per ragioni "militari e di opportunità pubblica". Il risultato fù la decimazione dei degenti in tre massicce incursioni nel giro di 4 mesi. Solo dopo l'ultima incursione le autorità diedero il permesso, ma non c'era quasi più nessuno da sfollare...

Questa è la guerra, niente altro.




Offline francesco

  • Post: 330
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #36 il: 10 Mar 2010, 19:50:56 »
Ciascuno rimanga (a settant'anni di distanza dai fatti) della Sua Rispettabilissima Idea. :hi:

Questo e' un Forum di Appassionati, ognuno infarcito con le proprie manie, le proprie visioni, e le proprie idee politiche.

Ce' chi crede al "Male Assoluto", ed alla favoletta consolatoria del "Bene Assoluto".
E chi no'.

C'e'  chi crede di aver vinto la Guerra.
E chi crede di averla persa nel peggiore dei modi, come uomini, come intero Popolo.
E c''e' pure Chi ritiene, (a settant'anni dai fatti di allora), di vivere in un paese ancora occupato militarmente, dal Vincitore di allora.

La Mia Idea, (suffragata dalla sorte delle Chiese e dei monumenti ai caduti, tra i quali fin da piccolo ho giocato),  e' che quelli Alleati furono Bombardamenti Terroristici preordinati, in cui la componente psicologica del danno inflitto al "Fronte Interno" , era assolutamente prevista, anzi cercata.

Ma non intendo convincere nessuno.
Mi limito ad osservare i documenti di allora, e studiare gli avvenimenti dimenticati, accaduti nei luoghi in cui vivo.

 

 

Offline u03205

  • Post: 74
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #37 il: 10 Mar 2010, 23:52:06 »
Ciascuno rimanga (a settant'anni di distanza dai fatti) della Sua Rispettabilissima Idea. :hi:

Questo e' un Forum di Appassionati, ognuno infarcito con le proprie manie, le proprie visioni, e le proprie idee politiche.

Ce' chi crede al "Male Assoluto", ed alla favoletta consolatoria del "Bene Assoluto".
E chi no'.

C'e'  chi crede di aver vinto la Guerra.
E chi crede di averla persa nel peggiore dei modi, come uomini, come intero Popolo.
E c''e' pure Chi ritiene, (a settant'anni dai fatti di allora), di vivere in un paese ancora occupato militarmente, dal Vincitore di allora.

La Mia Idea, (suffragata dalla sorte delle Chiese e dei monumenti ai caduti, tra i quali fin da piccolo ho giocato),  e' che quelli Alleati furono Bombardamenti Terroristici preordinati, in cui la componente psicologica del danno inflitto al "Fronte Interno" , era assolutamente prevista, anzi cercata.

Ma non intendo convincere nessuno.
Mi limito ad osservare i documenti di allora, e studiare gli avvenimenti dimenticati, accaduti nei luoghi in cui vivo.

 

 

mi spiegate cosa c' entra tutto questo con il ritrovamento e il recupero di un velivolo in laguna ? :blink:



Offline kanister

  • Post: 915
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #38 il: 11 Mar 2010, 00:01:02 »

mi spiegate cosa c' entra tutto questo con il ritrovamento e il recupero di un velivolo in laguna ? :blink:


Purtroppo c'è sempre chi confonde una discussione squisitamente tecnica con una di politica da bar.....
Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

Offline francesco

  • Post: 330
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #39 il: 11 Mar 2010, 22:45:59 »
un sabato no?

Ciao Fa'.

La casa diroccata di un tempo, e' in fase di avanzata ristrutturazione.
Per una stele, o un cippo, a questo punto dovrebbe pensarci il Comune.

Ammesso che a Correzzola, ci sia qualcuno pronto per una tale, incredibile dimostrazione di obiettivita' storica.

micky.38

  • Visitatore
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #40 il: 12 Mar 2010, 08:39:59 »
Riportando la discussione nei suoi binari, credo che il ritrovamento dell'ala, se ancora dotata delle sue browning, possa aiutare nell'identificazione del velivolo: è possibile avere i numeri di matricola delle armi?

Offline Freddy

  • Post: 1051
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #41 il: 12 Mar 2010, 09:13:11 »
Mah, Micky, ne parlavo ieri sera con Dino, che vedrò oggi e quindi mi darà maggiori dettagli, pare che l'ala misteriosa nessuno sappia dove realmente sia.
Alla Capitaneria di Mare di Chioggia dicono di non saperne assolutamente niente e così anche le Forze dell' Ordine.
Dino dubita anche che sia stata realmente trovata e che possa essere una delle tante fantasie dei giornalisti. Staremo a vedere nei prossimi giorni.
Intanto il relitto è stato "donato" ad una nuova Associazione di Thiene che dovrà curarne il restauro, la Dog Fight.
Ho visitato il loro sito, www.dogfight.it, e sono stato "illuminato".
Non c'è niente di niente. Ma siamo certi che i membri di questa Associazione abbiano la competenza sufficiente per un restauro di quel tipo?
Non è che sia una sorta di "fai da te"?
Mi è anche venuto un dubbio "attroce".
Non è che quella del restauro del relitto possa essere un buon appiglio per chiedere le solite sovvenzioni Regionali o Governative?
Di solito in questi casi i soldi li trovano sempre, nonostante la crisi, ma se invece a chiedere è un'associazione seria e già affermatasi negli anni per la sua serietà e professionalità, le difficoltà ad avere un aiuto sono sempre innumerevoli.
Chissà perchè o meglio chissà chi sono i membri di quell'associazione. Forse io sono diffidente all'eccesso e mi auguro che tu o qualcun' altro di questo forum mi possa tranquilizzare di più in merito.
Magari ci sono membri del Dog Fight anche tra gli iscritti al Forum e quindi, come è mia opinione, persone competenti e serie.
Se ci sono si facciano vivi e ci raccontino dei loro progetti riguardo al P-47.
Non credo si tratti di segreti di Stato e noi siamo qui anche per imparare cose nuove e, se e quando ne abbiamo la possibilità, siamo anche disponibili a offrire opinioni e consigli.
Dopo che avrò parlato con Dino questo pomeriggio, se c'è qualche novità in merito alla fantomatica ala, posterò qualcosa.
Ciao
Freddy

micky.38

  • Visitatore
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #42 il: 12 Mar 2010, 10:05:02 »
Ho dato un'occhiata al sito, e non conosco nessuno!!! Mah... credo che chiederò lumi a Giuseppe Versolato...

Offline Freddy

  • Post: 1051
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #43 il: 12 Mar 2010, 12:23:39 »
Mah, non credo che ne sappia qualcosa. Mi ha scritto un paio di giorni fa ma non mi ha detto niente al proposito.
Comunque chiedere non è mai sbagliato. Potrebbe darsi che lui faccia parte di quell'associazione e allora sarebbe già una garanzia.
Saluti
Freddy

Offline dino

  • Post: 537
Re:Chioggia (VE) recuperato P-47
« Risposta #44 il: 12 Mar 2010, 15:43:40 »
Ciao ragazzi, eccomi qui, anche se molto rapidamente per un rapido aggiornamento. Anzitutto la questione ala riportata dal "Gazzettino". Fino ad ora nessuno ne sa niente. Il relitto si trovava in zona Saloni a Chioggia, cioè nel porto commerciale, pertanto, zona off-limits e, solitamente, tutti i relitti incocciati vengono buttati lì in attesa di "macero" o altra destinazione da parte dell'Autorità marittima. Può essere - sempre a questo punto sia stata recuperata un'ala - che sia stata scaricata in altra parte, ma mi pare strano, giacché l'Autorità marittima, che viene avvisata del rinvenimento, dispone dove metterla e, giocoforza, solitamete è sempre lì....tanto più se vi sono armi (anche se oramai malridotte) od ordigni!

Comunque, continuo le ricerche.

Per quanto riguarda l'associazione dog fight no, non ne so niente e non ne faccio parte. Sono entrato nel sito perché, a parte quanto riferito dal Gazzzettino che il relitto era stato a loro ceduto, avevano fatto un articolo in merito ma è sempre in costruzione. L'unica cosa che recentemente ho letto è la presentazione del lavoro dell'associazione e, sinceramente son rimasto perplesso quando dicono che si trattava di uno dei due P.47 abbattuti dall'ANR.....
come ha fatto a scoprirlo?

a presto.