Autore Topic: Scempio a San Pelagio.  (Letto 11331 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Romeo2

  • Socio AdA
  • *
  • Post: 241
"Ho visto cose,che voi astemi non immaginate neanche...."

Offline Freddy

  • Post: 1051
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #1 il: 18 Mag 2013, 09:35:55 »
Spazio al progresso! Via il vecchiume che tra l'altro col tempo si riempie di sporco e magari poi qualche bambino ci sale a bordo e si prende anche qualche malattia.
Tutto alla fonderia, ovviamente con il divieto assoluto per chichessia e men che meno per gli appassionati di aviazione (che creano già abbastanza casini e come tutti ben sanno, non hanno proprio tutte le tegole a posto), di prelevare qualche pezzo per ricordo.
Non dico gli strumenti, che come ben sappiamo sono radioattivi e magari qualcuno potrebbe costruircisi una piccola bomba atomica casalinga "fai da te", ma nemmeno motori, eliche e quant'altro potrebbero venire esposti in qualche museo pubblico o privato.
Per l'amore di Dio! che magari a qualche nuovo virgulto non venga poi l'insana passione per l'aviazione! Vade retro Satana!
Quello che io vorrei di cuore è che fossero pubblicati bene in chiaro nomi e cognomi di quelli che autorizzano questi scempi.
Chissà poi perchè questo non succede mai. Paura di rogne? E perchè? A me sembra più che giusto pubblicare, oltre ai nomi di quelli che hanno dei meriti, così poi avremmo l'occasione di sapere con chi dobbiamo congratularci, anche quelli degli emeriti st...zi per cui poi noi sapremmo davanti a chi dovremo sputare per terra.
Mi scuso se sono stato troppo schietto ma non ho intenzione di ritirare niente di quanto ho scritto e sono anche disposto a dirglielo personalmente in faccia a quegli emeriti imbecilli.
Vi stava tanto sulle balle quell'aereo? Perchè non avete chiesto alle varie Associazioni se a qualcuno poteva interessare e cederglielo in modo da non infangare la memoria di tutti quegli equipaggi della nostra Aeronautica che, rischiando la loro vita, si sono fatti un paio di co..ni così per portare in salvo decine se non centinaia di poveri Cristi in balia del mare in tempesta?
Certo, c'era il rischio che poi quelli lo restaurassero e se ne prendessero cura e questo, in questa nostra Italia, oggi non più patria di poeti, navigatori ed eroi ma invece di sedicentio esperti televisivi, giornalisti ignoranti e politici ladri, questo, ripeto, non va proprio bene! Rimettere in sesto un aereo militare suona tanto di "nostalgico" e di istigazione alla guerra.
Che schifo!!!!!!!

Offline Freddy

  • Post: 1051
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #2 il: 18 Mag 2013, 10:41:06 »
'spetta un po' che mi sono ricordato anche di un altro Grumman Albatross, quello dell'eroporto di Gorizia.
Che fine ha fatto?
Era arrivato in volo e atterrato a Gorizia sulle sue zampe nel 1976. Era stato messo, come gate guardian sulla piazzola antistante la palazzina radio sulla sinistra dell'Hangar principale accanto al Fiat G-46 4-A I-AELA che poi, dopo il 1989, era stato rimosso e probabilmente andato a finire sotto gli alberi dietro agli hangar (anticamera della fonderia), posto dove era già defunto, alla fine degli anni '60, un bellissimo e alquanto raro Macchi 416, probabilmente quello che nel 1957 era a Campoformido)
Si trattava del Grumman HU-16 Albatross matricola 15-9 ex 15° Stormo (S.A.R.) mat. mil. 51037.
Nel 2008, dopo più di trent'anni di totale abbandono e incuria, è stato spostato in una piazzola alla destra degli hangar (anche questa probabile anticamera della fonderia) dove, esposto totalmente alle intemperie attende di deteriorasi completamente fio a giustificarne la demolizione come nel caso del 15-14 del Museo di San Pelagio. (ho scritto museo perchè così è citato nell'articolo ma personalmente avrei usato un altro termine che non posso dire in questa sede)
Tra l'altro, su Wikipedia, quello di San Pelagio era stato indicato come "in condizioni non buone" e allora quello di Gorizia che viene definito come "in condizioni pessime" come dovrà essere distrutto?
E il G-46 I-AELA, che fine ha fatto?
Qui ci vuole un nuovo topic.

Offline manifold

  • Post: 938
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #3 il: 18 Mag 2013, 10:53:40 »
si ritorna sempre al punto di partenza...........il rottamaio paga il rottame e l'appassionato di storia aeronautica non può far niente se:
1° non viene a conoscenza della dismissione
2° ha una disponibilità di denaro pari a quella del rottamaio
3° vogliamo escludere a priori che non ci sia qualche qualche contiguità dei rottamatori con certi rottamai?

Non ci resta che piangere. Come diceva Troisi.

 celestino

Offline Veltro_7

  • Post: 497
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #4 il: 18 Mag 2013, 11:04:35 »
Deve essere colpa della crisi.... a noi fermano i treni fregandosi il rame delle "Messa a terra". Adesso le hanno sostituite con alluminio, ma si fregano anche quelle.
Quanti soldi ci avranno ricavato ? Una foto non potrà mai sostituire l'originale.
Una volta eliminato l'impossibile ciò che rimane, per quanto improbabile, dev'essere la verità.

Offline wwmb43

  • Post: 217
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #5 il: 18 Mag 2013, 11:32:45 »
salve il museo non appartiene o è collegato alla famiglia caproni?
l'albatross era dell'aereonautica o del museo
o era ancora in conto mdap?
lo dico perche la demolizione puo essere stata autorizzata/ordinata da altri
non dal museo
è come ovvio uno stupido spreco
me lo ricordo anni fa quando arrivò era in ottime condizioni
guardando le foto della demolizione mi sembra
molto corroso
magari visto che non lo tenevano come si deve
i responsabili/proprietari anno ordinato la
distruzione pagare un visitatore
perche gli è arrivato un motore in testa non è mai bello!
comunque peccato :'(

Offline Freddy

  • Post: 1051
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #6 il: 18 Mag 2013, 11:57:09 »
Giusto per corredare quanto ho detto in un mio post precedente e magari perché a qualcuno potrebbe essere venuta la curiosità di saperne di più su quel Macchi 416 che era stato lasciato marcire sull'aeroporto di Gorizia, anche se è O.T......
Si trattava del Macchi M 416, ex MM 53179 immatricolato I-AELH il 01/12/1960 e passato dal Ministero della Difesa Aeronautica all'Aeroclub di Gorizia.
Esistono alcune foto dell'aereo riprese nell'agosto del 1962, durante il suo periodo di attività, sul sito del G.A.V.S all'indirizzo:
http://www.gavs.it/rci.php?advsearchresult=true&mid=234&page=7
Nel 1969, anno in cui avevo frequentato, a Gorizia, il Corso di Cultura Aeronautica tenuto dall'A.M.I., l'I-AELH era già in pessime condizioni e in stato di abbandono.

Offline Freddy

  • Post: 1051
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #7 il: 18 Mag 2013, 12:02:25 »
Giusto per corredare quanto ho detto in un mio post precedente e magari perché a qualcuno potrebbe essere venuta la curiosità di saperne di più su quel Macchi 416 che era stato lasciato marcire sull'aeroporto di Gorizia, anche se è O.T......
Si trattava del Macchi M 416, ex MM 53179 immatricolato I-AELH il 01/12/1960 e passato dal Ministero della Difesa Aeronautica all'Aeroclub di Gorizia.
Esistono alcune foto dell'aereo riprese nell'agosto del 1962, durante il suo periodo di attività, sul sito del G.A.V.S all'indirizzo:
http://www.gavs.it/rci.php?advsearchresult=true&mid=234&page=7
Nel 1969, anno in cui avevo frequentato, a Gorizia, il Corso di Cultura Aeronautica tenuto dall'A.M.I., l'I-AELH era già in pessime condizioni e in stato di abbandono.

Per quel che ne so i motori "stentano" a cadere in testa ai visitatori, così come anche altre parti dell'aereo.
Comunque esistono sempre i cartelli e le transenne se si pensa che ci sia un pericolo per i visitatori... ma esiste anche la possibilità di controllare se c'è qualcosa di "ballerino" e magari stringere qualche vite o mettere 50 centesimi di fil di ferro (anche se non è aeronautico va bene lo stesso).
So che costa tempo e magari anche una piccola fatica ma credo che a far queste cose non sia mai morto nessuno.

Offline roberto

  • Post: 162
  • Associazione Dogfight
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #8 il: 18 Mag 2013, 13:06:51 »
ecco  cosa succede quando il museo per mancanza di fondi non può più tenere in ordine gli aerei, questo è il primo tempo che anche gli altri faranno la stessa fine, tempo fa avevamo provato a salvarlo ma la cosa buffa che la burocrazia non c'è l'ha permesso.......

Offline Romeo2

  • Socio AdA
  • *
  • Post: 241
"Ho visto cose,che voi astemi non immaginate neanche...."

Offline Freddy

  • Post: 1051
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #10 il: 18 Mag 2013, 14:29:46 »
E ora io ESIGO di apere quale sia questa Associazione di Ravenna! Lo dico a nome mio e, ne sono sicuro, anche a nome di tutti gli iscritti a questo forum e anche di quelli non iscritti ma a cui fanno schifo queste cose.

Se è quella che penso, allora si preparino ad avere in cambio, sotto forma di sputtanamenti a destra e a manca, in rete e non, il corrispettivo di tutto quello che hanno fatto con i relativi interessi.

Ma poi, diciamocela tutta, chi è quell'imbecille che propone la vendita di un rottame, dopo averlo ceduto per trent'anni in comodato gratuito, su una base d'asta di 14000 euro?

Non era nemmeno il prezzo della macchina efficiente ma radiata perchè a fine ore, immaginiamoci poi dopo un ulteriore ammortamento da calcolarsi in 30 anni? C'era da offrire 1000 euro a chi se lo sarebbe voluto prendere sul gobbo, altro che 14000 euro!

Ho l'impressione che la burocrazia, negli ultimi 50 anni abbia fatto, all'Italia, più danni di quanti non ne fossero stati fattii durante la guerra.... ma almeno quella volta una ragione, valida o meno, c'era... ma oggi ?

Dulcis in fundo, abbiamo un aereo di meno, è aumentato (come se non ce ne fosse bisogno) il numero dei co...ni e, tanto per non cambiare strada, ci siamo fatti ridere (o forse sarebbe meglio dire, commiserare) dalle altre nazioni europee.

Sarebbe meglio che il nuovo governo, tra le sue priorità, inserisse anche una legge urgente per impedire che gli imbecilli vadano a votare, decidano quello che c'è o non c'è da fare e, anche e soprattutto, perchè non sia più concesso loro il diritto di firma.
Capisco che questo significherebbe inibire il 75% degli italiani ma chissà che poi le cose non possano cambiare nel giusto verso.

Ora, sulla base di quanto abbiamo appreso, prepariamoci ad evitare la demolizione dell'Albatross di Gorizia! ( sempre che, mentre ne stiamo parlando, non lo stiano già facendo o che non l'abbiano già fatto)

Bisogna che chiuda prima che qualcuno non decida di querelarmi ma ripeto il mio invito, fateci sapere i nomi di quelli che hanno deciso!
Non è per mia curiosità ma solo per impostare un nuovo database, tra i molti che già ho, con i nomi dei cerebrolesi da evitare quando ci sia la possibilità di salvaguardare qualche nostra memoria del passato.

Ah, si, dimenticavo. Roberto, non è buffa la storia della burocrazia, è tragica!
« Ultima modifica: 18 Mag 2013, 14:37:16 da Freddy »

Offline Freddy

  • Post: 1051
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #11 il: 18 Mag 2013, 14:45:10 »
Di un'altra cosa mi ero dimenticato.
Per questo chiedo scusa alla direzione del museo di San Pelagio ed è per aver messo in dubbio la loro buona fede e volontà. Avrei dovuto immaginarlo che in realtà non avessero avuto alcuna colpa ma, preso dall'animosità, ho detto cose che non avrei dovuto dire nei loro confronti.
Rinnovo le mie scuse più sentite.

Offline Veltro_7

  • Post: 497
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #12 il: 18 Mag 2013, 16:21:03 »
Non conosco questa associazione di Ravenna. Ma viene spontaneo chiedersi..... perchè spendere una cifra di 14.000 euri per poi ricavarne a peso sì e no la decima parte in rottami !!!! Meditate gente meditate !!!!

Citazione
Nel 1969, anno in cui avevo frequentato, a Gorizia, il Corso di Cultura Aeronautica tenuto dall'A.M.I.
Dai Freddy.... non dirmi che anche tu avevi fatto quel corso !!!!! Da qualche parte devo avere delle foto.
« Ultima modifica: 18 Mag 2013, 18:43:03 da Veltro_7 »
Una volta eliminato l'impossibile ciò che rimane, per quanto improbabile, dev'essere la verità.

Offline wwmb43

  • Post: 217
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #13 il: 18 Mag 2013, 16:34:25 »
la mia del motore che cade in testa era una esagerazione tanto
x dire...
certo che bastava poco per tenerlo in vita ma bisognava farlo
quel poco...per me
ed è solo la mia opinione intendiamoci il museo di
s.pelagio ne era responsabile
e da come e finita direi che è meglio che
cambino hobby...
cioe
1 se lo esponi ci tieni dietro
2 se non lo esponi lo smonti e lo immagazzini
3 se ce l'ai immagazzinato ti occupa poco spazio
4 se  ce l'ai immagazzinato lo puoi sempre un giorno
 vendere scambiare visto che nel frattempo è diventato abbastanza raro
5 se sei uno str...o a cui l'areonautica grazie a "maniglie" varie regala
aerei di cui non te ne frega assolutamente niente fai come il suddetto museo
scusate mi è scappata la frizione... 

Offline Al

  • Post: 419
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re:Scempio a San Pelagio.
« Risposta #14 il: 18 Mag 2013, 18:23:43 »
Non ho parole!
Ma non avrebbe dovuto essere vincolato come bene storico?
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"