Autore Topic: Ricostruita la storia del P 47 di Montalto di Castro  (Letto 2602 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline victor

  • Post: 19
Dopo tanti anni, siamo finalmente giunti alla fine di un lungo percorso nel quale  la determinazione, la caparbietà e la volontà di raggiungere l’obiettivo che da anni perseguivamo, sono stati premiati .
Siamo in grado quindi di fornire a voi appassionati di archeologia dell’aria ed a tutti gli appassionati di storia, l’identità del P 47 che giace su un fondale di 25 metri a largo delle coste di Motalto di Castro

 L’aereo fu individuato circa una decina di anni fa grazie all’intuizione dell’amico Enzo Quondam Vincenzo che, basandosi su flebili indicazioni (mire a terra, testimonianze di pescatori,consultazione di vecchie carte da pesca, ecc.) , ha scandagliato il fondale per lungo e per largo, fino a trovarlo su un fondale fangoso-detritico.  Nonostante la perenne torbidità dell’acqua in quel tratto di costa, abbiamo potuto osservare che il caccia americano è coricato sul fondale, in assetto di volo. Non aveva piani di coda, ma in complesso lo stato di conservazione appariva buono. Persino il cupolino in plexiglass era perfettamente conservato, in posizione di apertura.  Abbiamo subito riconosciuto l’aereo ed abbiamo cominciato a chiedere informazioni ai vari esperti, in Italia ed all’estero. Non siamo tuttavia riusciti a venire a capo della vicenda che riguardava il “nostro” P 47. Soltanto il ritrovamento del Serial Number poteva garantirci il successo nell’impresa.
L’intervento prezioso di Gianclaudio Polidori (che visionò il filmato del relitto) ci consentì di capire il luogo dell’abitacolo nel quale era situata la targhetta del S. number. Tuttavia, dopo una serie di immersioni non riuscimmo ancora ad individuarla. E’ a questo punto che è stata risolutiva la collaborazione con l’amico Luigi Maralli, istruttore sub del Blue Life dive di Roma, nonché Luogotenete della Guardia di Finanza a Pratica di Mare, che, dopo aver studiato il cockpit del “Thunderbolt”,si è immerso con noi. Tra grosse difficoltà (la piastrina era situata a lato del seggiolino, all’interno dell’abitacolo, immersa nel detrito), abbiamo così ritrovato il serial number.
Si tratta del P 47 D - 15 RE, Serial number 42 75705 abbattuto il 14/04/1944 sui cieli del lago di Bolsena dopo un combattimento tra 16 Thunderbolt e più di 32 aerei nemici (così recita il MACR). L’ aereo era pilotato dal second Lieutenat Neil H. Gundersen, del 57th FG, 64th FS “Black Scorpions”, di base in Corsica. La missione consisteva nel bombardamento del Ponte a Perelli, in Toscana.
Sappiamo anche che l’abbattimento è stato accreditato al Fw. Erhart Menge, del 4./JG 77.                                                                           Pur essendo ancora all’inizio della ricostruzione storica ( ci mancano ancora molti elementi), volevamo però porvi a conoscenza della notizia che è stata recentemente pubblicata (a nostra insaputa direbbe qualche politico…) sulla rivista on line “War History”.                                    Chiederemo in futuro a voi esperti di aiutarci nella ricerca di qualche elemento che ancora ci sfugge. Non siamo “relittari”, ma amanti della Storia, ed ogni contributo è gradito.
Desidero infine citare Tonino Muoio e Stefano Raucci, sub dell’ Associazione sub Assopaguro di Montalto, che si sono a lungo immersi sul relitto ed hanno contribuito al successo dell’operazione.

Vittorio Gradoli, presidente ASD Assopaguro         

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6200
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re: Ricostruita la storia del P 47 di Montalto di Castro
« Risposta #1 il: 08 Nov 2012, 11:24:57 »
BRAVISSIMI  :good:

grazie per condividere anche con noi le vostre ricerche.
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline manifold

  • Post: 938
Re: Ricostruita la storia del P 47 di Montalto di Castro
« Risposta #2 il: 08 Nov 2012, 11:42:19 »
bravi. Grazie per aver condiviso la storia.
Possiamo constatare che non tutti i sub sono predoni.
Grazie ancora.

 celestino

Offline maxssb

  • Post: 68
Re: Ricostruita la storia del P 47 di Montalto di Castro
« Risposta #3 il: 09 Nov 2012, 17:39:35 »
Grande Vittorio la tenacia e la costanza premia sempre. I veri appassionati si distinguono da queste cose, sanno aspettare e tirare fuori la notizia al momento giusto. :clapping:

Offline victor

  • Post: 19
Re: Ricostruita la storia del P 47 di Montalto di Castro
« Risposta #4 il: 11 Nov 2012, 18:11:14 »
In fatto di tenacia, anche Max sta dimostrando grande stoffa, riguardo la vicenda del B 17 del Lago di Bolsena. Un caso molto complesso,ma conoscendo Max, ho la certezza che tra non poco avremo da lui notizie sensazionali...!