Autore Topic: B-25 del Monte Brugnolo, Ronzo-Chienis (TN)  (Letto 63223 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Zetag

  • Post: 345
Re: B-25
« Risposta #120 il: 27 Ago 2012, 19:06:59 »
Ciao Fabio
Io a quel forum mi sono registrato anche se sono assai scarso con l'inglese.
Ho postato qualcosa in risposta a topic già aperti ma ho avuto la sensazione che molte discussioni vecchie sono state aperte da membri che nemmeno più frequentano il forum per cui i miei quesiti sono rimasti senza risposta.
Potrebbe essere stato interessante per contattare i parenti di aviatori americani, per avere qualche testimonianza o ricordo di soldati o piloti...
Vola solo chi osa farlo (Luis Sepúlveda)

Offline Zetag

  • Post: 345
Re: B-25
« Risposta #121 il: 05 Dic 2012, 18:15:34 »
Riapro questo Topic perchè ci sono delle novità sul B25 del Monte Brugnolo.
Prima di tutto un Grande grazie (la maiuscola non è casuale) a Veltro_7; senza di lui starei ancora cercando. Grazie di tutto Mirko.  :friends:
Un altrettanto Grande grazie a Fabio Raimondi, Mazwork e Mik66 (rigorosamente in ordine alfabetico); tutto è iniziato in quella giornata di agosto con la fantastica spedizione di Archeologi dell'Aria. Io nel campo sono un pivellino, tanto ho ancora da imparare ma con Maestri così è tutto più facile ;)
Veniamo a noi..
Oggi con Ben (Frank78), anche lui grande appassionato di storia, siamo andati sul Brugnolo.
Ben, che ho conosciuto solo recentemente tramite un amico comune, guarda caso, è insegnante di inglese proprio alla scuola elementare di Ronzo Chienis (l'abitato più vicino al Crash Site). Abbiamo preso contatti con l'amministrazione per l'allestimento in un prossimo futuro di una mostra; ma la cosa più interessante è stato l'incontro con un testimone. Questi ci ha raccontato che al tempo lui era ancora un bimbo anche se "snocciolava" episodi e fatti con vivida memoria.
Per brevità narro un solo fatto.
Ci ha raccontato che quel giorno stava vedendo passare, dal poggiolo di casa,i quattro aviatori fatti prigionieri e scortati dai tedeschi. Erano visibilmente impauriti e stavano per essere condotti alla caserma del paese quando uno degli americani, vedendo il bambino che stava osservando la scena, gli sorrise e lo salutò con la mano. Il nostro testimone contraccambiò agitando la sua manina ...
Ci ha pure raccontato che degli abitanti della zona conservano parecchi reperti, si parla di un cannotto gonfiabile di salvataggio, di cuffie da pilota ecc.  A breve spero di postare qualche foto.
PS. La ricerca di oggi non ha riservato ritrovamenti particolari. Ormai lo sappiamo che il Brugnolo restituisce perlopiù frammenti .. Abbiamo però trovato tre ogive da mitragliatrice con punte di colore azzurro, rosso e nero. Singolare che le tre ogive abbiano tutte colori differenti. Chi mi sa dire a che proiettili appartenevano (traccianti ecc.) ?
Grazie ancora a tutti. 
 

 
Vola solo chi osa farlo (Luis Sepúlveda)

Offline Veltro_7

  • Post: 497
Re: B-25
« Risposta #122 il: 05 Dic 2012, 18:57:08 »
Ciao Giacomo, lo scambio d’informazioni per noi è normale, in ogni modo grazie a nome di tutti.
La storia del canotto girava anche tempo fa….
Per quanto riguarda le ogive, ti passo la spiegazione dell’amico Lanco, che avevo interpellato per dei chiarimenti.
Non preoccuparti perché quelle verniciate di nero sono perforanti e assolutamente inerti. hanno l'anima interna in acciaio. Diffida di quelle colorate azzurro o argento poiché sono incendiarie e contengono fosforo. Quelle con la punta rossa sono traccianti e sono sicure.
Enzo



Ciao e vai così.
« Ultima modifica: 05 Dic 2012, 18:59:09 da Veltro_7 »
Una volta eliminato l'impossibile ciò che rimane, per quanto improbabile, dev'essere la verità.

Offline Zetag

  • Post: 345
Re: B-25
« Risposta #123 il: 05 Dic 2012, 19:19:18 »
Ciao Giacomo, lo scambio d’informazioni per noi è normale, in ogni modo grazie a nome di tutti.
La storia del canotto girava anche tempo fa….
Per quanto riguarda le ogive, ti passo la spiegazione dell’amico Lanco, che avevo interpellato per dei chiarimenti.
Non preoccuparti perché quelle verniciate di nero sono perforanti e assolutamente inerti. hanno l'anima interna in acciaio. Diffida di quelle colorate azzurro o argento poiché sono incendiarie e contengono fosforo. Quelle con la punta rossa sono traccianti e sono sicure.
Enzo



Ciao e vai così.


Ciao Veltro.
Prezioso come sempre.  :good:
Abbiamo trovato solo le ogive, quindi direi che non ci sono problemi. Forse sono state scaricate sul posto dai recuperanti ? Chissà ?
Il canotto ti assicuro che c'è; ho già visto una foto tratta da un articolo pubblicato l'anno scorso su un periodico locale.
Era del testimone che abbiamo incontrato oggi, è di colore giallo arancio.
Comunque a breve dovremmo andare a vederlo e non mancherò di fotografarlo.
Ciao.
Vola solo chi osa farlo (Luis Sepúlveda)

Offline Zetag

  • Post: 345
Re: B-25
« Risposta #124 il: 05 Dic 2012, 21:13:22 »
Ciao Mirko
Ecco la foto tratta dal periodico locale Campanò di San Giuseppe che ritrae il canotto di salvataggio. La prox settimana spero di andare a vederlo di persona e sarò più ricco di dettagli.
Vola solo chi osa farlo (Luis Sepúlveda)

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6213
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re: B-25
« Risposta #125 il: 05 Dic 2012, 22:19:48 »
Questo è un bel regalo natalizio!
La tenacia che avete dimostrato vi sta premiando.
Grazie per aver condiviso questo pezzo di storia con noi.

Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline mazwork

  • Amministratore
  • Post: 3448
  • Responsabile catalogatore reperti.
Re: B-25
« Risposta #126 il: 05 Dic 2012, 23:14:19 »
Favoloso! Giacomo, fai diverse foto, non solo del canotto, anche di tutti i codici che trovi...

Davvero un ottimo lavoro, continuate così!

 :good:
Ad augusta per angusta

Offline Frank78

  • Post: 29
Re: B-25
« Risposta #127 il: 09 Dic 2012, 13:30:39 »

Ho dimenticato di dirti che ho parlato con il sindico Mirko della situazione del l'aviatore che è  forse ancora sepolto a Pannone.
Gli ho dato una copia dell'articolo di giornale del 2004 tratto dal forum.
Ha detto che chiederà in giro, ha anche suggerito di parlare con i Carabinieri di Mori e controllare gli archivi del comune di Ronzo.
Ciao. Buona domenica.

 

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6213
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re: B-25
« Risposta #128 il: 09 Dic 2012, 18:35:26 »

Ho dimenticato di dirti che ho parlato con il sindico Mirko della situazione del l'aviatore che è  forse ancora sepolto a Pannone.
Gli ho dato una copia dell'articolo di giornale del 2004 tratto dal forum.
Ha detto che chiederà in giro, ha anche suggerito di parlare con i Carabinieri di Mori e controllare gli archivi del comune di Ronzo.
Ciao. Buona domenica.

 

Great! Thank you Frank
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline Zetag

  • Post: 345
Re: B-25
« Risposta #129 il: 09 Dic 2012, 21:04:25 »

Ho dimenticato di dirti che ho parlato con il sindico Mirko della situazione del l'aviatore che è  forse ancora sepolto a Pannone.
Gli ho dato una copia dell'articolo di giornale del 2004 tratto dal forum.
Ha detto che chiederà in giro, ha anche suggerito di parlare con i Carabinieri di Mori e controllare gli archivi del comune di Ronzo.
Ciao. Buona domenica.

 

Bravo Frank78 !
Ahimè, io ti rispondo in italiano perchè con l'inglese sono una frana  ;)
Come diceva Mik66, in un precedente post, sembrerebbe che i corpi del pilota Remmel e del co-pilota Speer, dopo la loro riesumazione dal cimitero di Pannone avvenuta nel 2004, siano stati tumulati al cimitero militare di Firenze.
Comunque indagheremo presso l'archivio di Ronzo Chienis.
Proprio adesso cercando in internet ho trovato questo articolo assai recente (settembre 2012) tratto dal seguente link, http://www.kyngmemorial.com/Bios_KYNG_KIA_Preliminary_Confirmed.pdf , che confermerebbe tali ipotesi:

Speer, Leslie T.
Second Lieutenant Leslie Thomas Speer, 22, of Jeffersontown, Jefferson County was killed in action on 6 February 1945 in Rovereto Italy serving as a pilot in the U.S. Army Air Force’s 447th Bombardment Squadron, 321st Bombardment Group, Medium, 57th Bombardment Wing aboard a B-25 Mitchell medium bomber . When he perished Speer was copilot on a mission against the Crema Rail Bridge in northern Italy. His aircraft, 43-36240, named the “May Be” was severely damaged by heavy enemy anti-aircraft fire (flak). The pilot, Capt Earl H. Remmel and Copilot Speer were able to control the aircraft long enough for 5 crew members to bail out, before the plane inverted and crashed into a hill at the North End of Lake Garda near Rovereto. The five crew members were captured as German Prisoners Of War, and eventually freed. He is buried in Florence American Cemetery Florence, Italy and has an in memory of stone in the Jeffersontown Cemetery. His awards and decorations included the Air Medal with six oak leaf clusters and the Purple Heart. Speer joined the Kentucky National Guard’s Headquarters Company of the 149th Infantry in July 1940. At that time he listed his civilian occupation as laborer.
« Ultima modifica: 09 Dic 2012, 21:05:59 da Zetag »
Vola solo chi osa farlo (Luis Sepúlveda)

Offline Mik66

  • Post: 156
Re: B-25
« Risposta #130 il: 09 Dic 2012, 22:23:31 »
Ciao ragazzi, complimenti per le riceche che state facendo.
Da parte mia vi confermo che i due aviatori, da una ricerca sul web (wiimemorial.com e findagrave.com), sono sepolti a Firenze. Considerando ora che nell'impatto sul Brugnolo morirono solo pilota e co-pilota l'eventuale presenza di un'altro aviatore sepolto a Pannone apre la possibilità per una nuova ricerca ....... Monte Stivo ....  Zetag ???
Non dimenticate di cercare nel Registro dei Sepolti nelle parrocchie di Pannone e Ronzo.

Michele


Offline Frank78

  • Post: 29
Re: B-25
« Risposta #131 il: 10 Dic 2012, 14:12:42 »

Very interesting article thanks a lot.

Grazie mille,

Ben

Offline Mik66

  • Post: 156
Re: B-25
« Risposta #132 il: 11 Dic 2012, 12:48:38 »
Ciao Ben,
il primo equipaggio che riporti è quello che è caduto a Nago. La storia molto interessante la trovi a questo link: http://www.archeologidellaria.org/index.php?topic=1891.0
che Zetag ha postato tempo fa.
il secondo è caduto in una valle laterale del paese di Ala ed anche in questo caso c'è un link interessante (pure in inglese!!)   :biggrin:
http://www.eaf51.org/Photo_42_Drago.htm

Michele

Offline Zetag

  • Post: 345
Re:B-25 del Monte Brugnolo, Ronzo-Chienis (TN)
« Risposta #133 il: 08 Mag 2013, 21:28:26 »
Visto che si è ormai sciolta la neve riprende la ricerca sul Monte Brugnolo (Ronzo Chienis – Val di Gresta)
Rispolvero quindi il vecchio topic relativo al B25J “May Be” Nr. 43-36240 Macr: 12134.
In particolare in questi giorni mi sto concentrando sulla questione delle salme dei due poveri aviatori periti nel crash: il pilota Remmel Earl H. ed il copilota Speer Leslie T.
Chiedo il vostro aiuto su come procedere con l’indagine. La faccenda sembra proprio un bel mistero…
Sabato scorso assieme al mio amico Frank78 siamo stati alla locale caserma dei carabinieri in quanto ci hanno indicato che conservano un dossier relativo alla tumulazione/riesumazione dei corpi dei due aviatori. Il carabiniere che ci ha accolto è stato molto gentile ma ci ha spiegato che per accedere o avere una copia del dossier bisogna richiedere l’autorizzazione; lui si informava sulla procedura e ci farà poi sapere, ma ho l’impressione che i tempi saranno lunghi. Comunque da quanto ho potuto capire la questione delle salme, tornata alla ribalta nel 2004, non è stata definita e sostanzialmente si rifà agli articoli di giornale all’epoca della prima riesumazione nel 1969.
Procedendo con ordine, sembra che i corpi di pilota e copilota siano stati sepolti qualche giorno dopo il crash (6 febbraio 1945) nel cimitero di Pannone (che era poi quello più vicino) e riportati in patria subito al termine della guerra.
Negli anni sessanta ai familiari in USA sorge il dubbio che le salme non siano effettivamente state rimpatriate e quindi chiedono una verifica nel camposanto di Pannone.
Nel 1969 arriva in Val di Gresta questa delegazione americana per far luce sulla cosa. Sondando il terreno nel camposanto viene trovata una scatola in legno con delle ossa ed una giubba da aviatore sepolta. Gli abitati del luogo insorgono dicendo che potrebbe anche trattarsi di corpi di loro compaesani in quanto sono certi che le salme dei due aviatori erano sono state riportate in patria subito dopo il conflitto. Si arriva al compromesso che le ossa rinvenute verranno fatte esaminare alla base USAF di Vicenza; se si tratta degli americani verranno rimpatriate se di persone del luogo torneranno in Val di Gresta.
Ora sembra (ma non è certo) che le ossa siano state riportate e  tumulate nuovamente a Pannone.
Questo vuol dire che non erano dei due aviatori ? Oppure forse nel 1969 non vi erano tecniche specialistiche per appurare con certezza la cosa. Mi sembra però strano, conoscendo la precisione americana nel recupero dei loro caduti, che abbiano mollato l’osso così presto …
Ma allora perché, se non si trattava degli aviatori, quando le salme vengono nuovamente riesumate nel 2004 vengono poi sepolte al cimitero militare di Firenze ?
Io non ci capisco più nulla... è un rebus ..;-)
Pensavo ora di andare dal parroco della Val di Gresta anche se con l’unificazione delle parrocchie non è detto che si riesce ad accedere all’archivio parrocchiale; inoltre da quanto dice un articolo del 1969 sembra che i registri parrocchiali non riportassero nulla sull’accaduto.
Secondo voi quale altre indagine posso fare ?
Grazie in anticipo a chi riesce ad aiutarmi.
Allego gli articoli del 1969 e 2004 in cui sono riportate le varie notizie.
Vola solo chi osa farlo (Luis Sepúlveda)

Offline Zetag

  • Post: 345
Re:B-25 del Monte Brugnolo, Ronzo-Chienis (TN)
« Risposta #134 il: 11 Mag 2013, 18:07:05 »
Aspettando qualche progresso sulla storia delle salme dei due poveri aviatori periti nel crash del May Be (vedasi post precedente) metto intanto qualche foto di alcuni reperti che ho trovato domenica scorsa sul Brugnolo. Complice neve e brutto tempo erano parecchi mesi che non riuscivo a tornare sul luogo con il metal. Comunque ecco qualcosa dei pezzi più significativi, anche se non c'è nulla di eccezionale:
a) la foto del Pezzo1 riporta tre pezzi dei soliti longheroni a L di rinforzo. Uno di questi riporta una scritta in rosso T.M. o o o o 2
b) la foto del Pezzo2 riporta un pezzo d'alluminio dalla forma un po' particolare
c) la foto del Pezzo3 è un piccolo pezzo a L con una sigla in un cerchio si legge BM806 (dove l'8 non è chiaro, potrebbe essere un 3?)
d) la foto del Pezzo4 riporta un pezzo che sembra bruciato ma quello che è strano è che suona al metal ma se si strofina forte si sgretola lasciando intravedere un interno di materiale diverso.. boh ..
e) la foto del Pezzo5 riporta un piccolo cilindro assai pesante che da un lato risulta in ferro (tutto arrugginito) mentre il rimanente sembra rivestito in rame (dopo averlo lasciato nell'aceto è diventato rosa e solo dopo una giornata all'aria si è nuovamente brunito).

PS. Unica nota dolente di domenica scorsa è che urtando il metal ho rotto la manopola di accensione/discriminatore. Ora devo cercare di aggiustarlo se voglio continuare a spazzolare ;) 
 
Vola solo chi osa farlo (Luis Sepúlveda)