Autore Topic: Aeroporto di Lavariano (UD)  (Letto 9052 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Aeroporto di Lavariano (UD)
« il: 30 Set 2011, 13:55:51 »
Ecco qui la pianta dell'aeroporto all'inizio degli anni 50....


Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline marquis

  • Post: 155
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #1 il: 30 Set 2011, 18:26:47 »
Credo che questo aeroporto debba essere più propriamente chiamato Risano. Il campo di Lavariano era situato ad ovest dell'omonimo paese ed era in terra battuta. 

P.s.: ...ne avevamo già parlato a pag. 3 sul 3d dell'aeroporto di Rivolto-Villaorba.

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #2 il: 04 Ott 2011, 17:02:33 »
I campi di volo di Lavariano e Risano erano due realtà diverse fino all'arrivo dei tedeschi, i quali le fusero in una sola preparando la pista e i raccordi.
La pista in effetti è vicino a Risano ma il comando, a detta degli anziani del paese, era nella ex zona militare a ovest di Lavariano (dove fanno "Festa in tenda" e dove c'era il campo italiano) unica zona a quei tempi recintata e provvista di rifugi sotterranei.
Mi pare molto chiara la spiegazione di Sorè che a pagina 292 del suo libro scrive:
"…..A questo punto va precisato che fin dai tempi della Grande Guerra esistevano i campi di Risano, Chiasottis, Lavariano, e Sammardenchia, ma che i tedeschi costruirono la grande pista a "V" nel mezzo di questo quadrilatero e la chiamarono "Lavariano". Gli italiani chiamarono quel campo sempre "Risano", e ciò creò qualche malinteso "storico", trattandosi sempre della stessa pista….."
Direi quindi che essendo le infrastrutture relative all'aeroporto tedesco si può chiamarlo "Aeroporto di Lavariano"……
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline marquis

  • Post: 155
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #3 il: 05 Ott 2011, 00:39:19 »
In effetti c'è sempre stata un pò di confusione. Nel raggio di pochissimi chilometri esistevano 2 aeroporti distinti (o meglio 3, visto che il campo ad ovest dell'abitato di Lavariano era suddiviso a sua volta in 2) ciascuno dotato di proprie piste. Di qui la necessità di identificarli con nomi diversi.

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #4 il: 05 Ott 2011, 09:40:16 »
Per non fare confusione basterebbe dare definizioni più estese tipo:

Immagini di ciò che rimane dell' "Aeroporto tedesco di Lavariano"....

Bunker antiaereo;
Una casa costruita sul raccordo;
La pista est/ovest ora usata dalla Fly Synthesis.
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline marquis

  • Post: 155
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #5 il: 05 Ott 2011, 19:48:32 »
Belle foto! Comunque non vorrei sembrare pedante, ma anche per la ANR Lavariano e Risano erano due campi separati e distinti.
Ecco un estratto del rilievo italiano che appare sul libro di Sorè. Il sedime aeroportuale di Lavariano è parzialmente fuori campo a sinistra.

Offline marquis

  • Post: 155
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #6 il: 09 Ott 2011, 13:42:28 »
Un "Now & Then" del settore meridionale di Lavariano. Nella foto "vintage" scattata durante un raid alleato si vedono diversi aerei al suolo.   

Offline Icaro

  • Post: 2
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #7 il: 15 Dic 2011, 15:57:41 »
Ciao,
vi invio qualche foto se puo' interessarvi della zona in oggetto . Le ho scattate nel maggio del 2010: ci si vola ancora....anche se i pesi delle macchine volanti sono ..... diminuiti !
Saluti


Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #8 il: 16 Dic 2011, 12:04:35 »
Bellissime foto, grazie.
Dall'alto rende molto meglio...
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Freddy

  • Post: 987
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #9 il: 16 Dic 2011, 21:41:17 »
Quanti ricordi legati alla pista di Risano!
Ci ho fatto il mio primo "solo" su un Leonardino com motore DAF bicilindrico, credo nel 1976.
Non so quanti ricordino cos'era il Leonardino, ma volava.. magari come un ferro da stiro, ma stava per aria.
Ciao

Freddy

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 5907
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #10 il: 16 Dic 2011, 23:04:03 »
riuscivi a pilotare un "coso" del genere? Allora caro Freddy sei proprio un manico!  :)


Offline Freddy

  • Post: 987
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #11 il: 18 Dic 2011, 10:54:32 »
Già, si volava proprio con questi "cosi", non c'era molto "money in saccocch" e bisognava accontentarsi. Comunque non è che ci volesse molto manico, anzi, volava come un ferro da stiro ma era anche stabile come un ferro da stiro. Buon Dio, non è ci potessi fare le acrobazie, giusto andarci a spasso a 50/100 metri di quota.
Anche se è OT, ma tanto per farci quattro risate, allego alcune foto dei primordi della mia carriera volatoria :haha:
La più vecchia è quella del "bruttottero" una brutta roba raffazzonata che veniva trainata con una Fiat 500 su una strada dismessa. Tangenza massima raggiunta prima dello sfacio totale del "coso", 2,5/3 metri.
Poi viene quella dei primi voli con deltaplano, (quelli di allora erano proprio così) nella zona del Piancavallo. Io ne sono uscito illeso ma un amico ci ha rimesso due denti ma guadagnato una decina di punti di sutura al labbro e la mia futura moglie, una distorsione al ginocchio.
La terza è quella del Leonardino ripresa sulla pista di Risano al mio primo decollo. Purtroppo è stata fatta con una Polaroid ed è molto brutta ma è la sola che mi sia rimasta. Da notare che il nostro era un Leonardino I, quello con i piani di coda in basso, mentre quella postata da te mostra un modello della seconda versione, con i piani di coda sul direzionale.
L'ultima ritrae il mio vecchio Canguro con motore KFM che ho venduto nel 1993 e che è andato distrutto immediatamente dopo perchè chi lo aveva comprato ha tentato di decollare senza avere la minima idea di come si piloti un aereo. Corsa, decollo, stallo immediato e crash definitivo, tutto nell'arco di 2/3 minuti. Peccato!
Beh, ormai volo soltanto con il simulatore sul PC, e anche abbastanza raramente, ma non è la stessa cosa.
Ciao, scusate per il fuori tema, ma mi è piaciuto ricordare quei tempi in cui si volava non per spirito di avventura ma per pura e semplice incoscienza.

Freddy

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #12 il: 20 Dic 2011, 10:50:33 »
Che tempi ragazzi.....
Sebrano le storie dei fratelli Wright!!!

Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #13 il: 04 Gen 2012, 10:18:23 »
Dal libro "I segni di una guerra" di Giacomo Viola a pag.177:
"L'organizzazione TODT, capillarmente diffusa sul territorio friulano occupato dai Tedeschi, prevedeva diverse attività di lavoro, a seconda delle esigenze degli occupanti. Giovanni Bassi, di Lavariano, venne impegnato nella TODT subito dopo l'arrivo delle truppe Tedesche nei paesi e inizialmente lavorò nel campo di Chiasiellis che ospitava un Comando militare ed era anche pista per aerei. Così racconta:
…cominciai a lavorare il 14 novembre del '43 con i Tedeschi a Chiasiellis. Noi lavoravamo già con gli Italiani per riparare le caserme, facevamo lavori di edilizia; poi capitarono i Tedeschi che occuparono il campo con i militari e ci aggregarono a loro: eravamo una squadra di dieci operai. Facevamo i ripari antiaerei per i militari delle caserme perché lì, a Chiasielis, c'era il Comando del campo e anche delle batterie…..Il campo di Chiasielis venne spezzonato tre, quattro volte. Qui noi lavorammo con i Tedeschi e con la TODT fino al mese di luglio, agosto '44. Facevamo ripari, sempre sul campo, spianammo, anche, per allargare il campo, fare le piste. Poi smisero perché videro che era inutile…."
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto di Lavariano (UD)
« Risposta #14 il: 05 Gen 2012, 10:10:05 »
Pag. 192
Aleada Bernardis di Lavariano, che viveva in una grande casa contadina, ricorda:
"…Qui tenevamo anche magazzino di pale, picconi, carriole, cemento e arrivava gente a prenderli per lavorare con la TODT. Venivano quelli che facevano le piste tra Lavariano e Mortegliano, fin sul confine di Pozzuolo.
Poi avevano gli aeroplani che andavano a mitragliare quando gli alleati bombardavano…"
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"