Autore Topic: Ciao a tutti  (Letto 2954 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline luigi.morolz

  • Post: 34
Ciao a tutti
« il: 31 Ago 2011, 11:03:04 »
Ho postato nel "bar" una richiesta di notizie circa un aereo caduto nel '44 a Moggio Udinese, tra le Frazioni di Monticello e di Moggessa.
Non sono un esperto di aviazione (anche se ho a mio carico un sacco di ore di volo "civile" per ragioni di lavoro e gli aerei mi hanno sempre affascinato).
La mia "curiosità" nasce dal fatto che, anni fa, mi sono trovato tra le mani diverse lamiere di alluminio di tale aereo (che coprivano una catasta di legna) e che ho conservato nel tempo ripromettendomi di utilizzarle in qualche modo, sia a ricordo dell'equipaggio (che non so che fine abbiano fatto), sia per stigmatizzare le guerre in generale.

Allego una foto del Cristo che ho realizzato (a grandezza naturale) con una parte delle lamiere, sagomandole in modo tale da mantenerle integre, per quanto possibile, anche nei fissaggi.

Mandi. Luigi.
« Ultima modifica: 09 Mar 2018, 18:30:37 da mazwork »



micky.38

  • Visitatore
Re: Ciao a tutti.
« Risposta #1 il: 31 Ago 2011, 11:14:40 »
Ciao Luigi, molto bello il tuo Cristo, è anche parecchio significativo...! E' possibile una foto di eventuali marchiature? Sai anche approssimativamente la data di caduta? Grazie

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6010
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re:Ciao a tutti
« Risposta #2 il: 31 Ago 2011, 11:55:07 »
Non credo ai miei occhi...
Benvenuto Luigi, grazie.

Vedo una scritta EAD...

E il resto del metallo?

« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:40:10 da mazwork »

Offline luigi.morolz

  • Post: 34
Re:Ciao a tutti
« Risposta #3 il: 31 Ago 2011, 19:05:54 »
Domenica mi informo un po' di più. Purtroppo i "vecchi" sono rimasti in pochi. Gli altri hanno tutti "sentito dire". So che nel '90 è stato venduto un "radiatore" di rame (mi sembra che in origine  fossero due) per 190.000 £.
Non ho trovato altre lamiere con qualcosa di scritto sopra se non quella che ho messa in evidenza a sx del corpo del Cristo. Comunque guarderò meglio.
Tengo da parte qualche altro pezzo di lamiera (circa 1 mq in tutto) che non ho potuto utilizzare perché rotto (evidentemente durante la caduta, perché per coprire la legna servivano integre).
Mandi.
« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:38:39 da mazwork »

Offline sabo

  • Post: 633
Re:Ciao a tutti
« Risposta #4 il: 01 Set 2011, 22:06:21 »
Bellissimo Luigi!  :good: complimenti!
Tutte le informazioni possono essere utili, tienici informati!
« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:38:26 da mazwork »

Offline Freddy

  • Post: 1009
Re:Ciao a tutti
« Risposta #5 il: 05 Set 2011, 12:36:06 »
Mandi Luigi,
ho provato a cercare nei miei archivi ma non ho trovato aerei precipitati in quella zona per cui mi intersserebbe saperne un po'di più. La scritta che si riesce ad intravvedere, per altro abbastanza strana perchè inclinata, potrebbe essere READ o PEAD o anche BEAD vista la parte di lettera iniziale che è interrotta dalla lamiera che la copre. A vedere così mi sembrerebbero lamiere molto simili a quelle che ci dovevano essere sul Dakota caduto sul monte Sernio nell'agosto del '44. Certo Mogessa è abbastanza distante dal Monte Sernio ma so che, al tempo, il luogo del crash era stato visitato da molte persone, e non solo del luogo ma anche da zone della Carnia abbastanza distanti, per recuperare le lamiere che, come tu stesso dici, potevano essere riutilizzate come coperture di stalle o altro.
Per quanto ne so a Moggessa, in un cortile, c'è anche un mozzo di elica quadripala. A detta del proprietario, viene da una zona (non specificata) abbastanza distante da Moggio. Ho un paio di foto di quel mozzo che mi ha mandato l'amico Tiziano Scarsini che, se non sbaglio, è originario di quelle parti.
In base alle nostre ricerche potrebbe trattarsi di parte dell'elica di un P-51 Mustang (P-51C-10-NT Mustang Mk III s/n 43-24999 id. HB947 del 5 Sqn SAAF abbattuto dalla flak il 21/02/1945 nei pressi di Dogna, pilota   2/Lt J W Potgieter, deceduto e sepolto vicino al relitto del suo velivolo) il solo che risulti abbattuto in quella zona.
Ti faccio i miei complimenti per il Cristo, molto strano ma anche molto bello e ben fatto.
Mandi.

Freddy
« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:38:14 da mazwork »

Offline luigi.morolz

  • Post: 34
Re:Ciao a tutti
« Risposta #6 il: 07 Set 2011, 11:35:10 »
Domenica mi son dato da fare con le "ricerche". Pochi (per ora, ma ho avviato un "passa parola") i risultati.
Mi dicono che l'aereo era inglese, che volava da nord a sud  e che è caduto nelle vicinanze di Moggessa, abbastanza vicino ad uno stavolo (distrutto dal terremoto del '76) che si trova a sinistra, scendendo, della carrareccia di collegamento tra Monticello e Moggessa.
Mi dicono, anche, che non ha niente a che fare con quello del Sernio e che, forse (come dici tu) è stato colpito dalla contraerea che era posizionata a Dogna nel dicembre del '44.
Mi dicono, anche, che nella caduta ha preso fuoco (con l'equipaggio).
I resti dell'aereo sono stati completamente cannibalizzati da una "moltitudine" di persone accorse, sia da Monticello che da Moggessa di Quà e di Là, sul posto subito dopo l'impatto.
Anch'io ho saputo di un'elica che avrebbe dovuto trovarsi nello stavolo di cui sopra, così come di componenti vari che erano serviti per costruire un tornio per legno a Monticello (azionato a mano/pedale, dato che non c'era, come tutt'ora non c'è, la corrente). Il tutto, però, è andato completamente distrutto dal terremoto ed i resti o sono tra le macerie ancora da rimuovere, o sono stati portati via e ...... venduti come ferro.
Sembra che ci sia un emigrante all'estero che ne sa qualcosa di più. Mi sapranno dire.
Vi terrò aggiornati.
Mandi.
« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:37:59 da mazwork »

Offline luigi.morolz

  • Post: 34
Re:Ciao a tutti
« Risposta #7 il: 12 Dic 2011, 12:06:23 »
Il mistero si infittisce.
L'"emigrante" (allora bambino) ha confermato che era il 1944, ma non si ricorda se era primavera o autunno, certamente non dicembre, per via della mancanza di neve. L'aereo volava da sud a nord (e non viceversa come mi aveva detto un altro) ed era già in fiamme mentre era ancora in volo. Lo si vedeva benissimo perché veniva avanti (si tenga conto che l'allora bambino vedeva le cose dall'altezza di circa 900 m, in asse sulla rotta, mentre l'impatto è avvenuto molto più in basso) e scendeva piano-piano. Dopo l'impatto arrivarono subito i Tedeschi che circondarono la zona e ha potuto recarsi sul posto, col papà, solo alcuni giorni dopo. Non ha saputo confermare se l'aereo fosse inglese o meno. Forse tedesco (anche qui si parla di una donna!). La scritta originale sulle lamiere era di color nero (ora è rimasta solo l'impronta delle lettere).
Alla prossima. Mandi.   
« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:37:45 da mazwork »

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6010
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re:Ciao a tutti
« Risposta #8 il: 12 Dic 2011, 15:26:05 »
Mandi Luigi,
ho provato a cercare nei miei archivi ma non ho trovato aerei precipitati in quella zona per cui mi intersserebbe saperne un po'di più. La scritta che si riesce ad intravvedere, per altro abbastanza strana perchè inclinata, potrebbe essere READ o PEAD o anche BEAD vista la parte di lettera iniziale che è interrotta dalla lamiera che la copre.
Freddy


o DEAD (morto)

« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:37:31 da mazwork »

micky.38

  • Visitatore
Re:Ciao a tutti
« Risposta #9 il: 12 Dic 2011, 16:39:18 »
...mi viene in mente un nose art abbastanza comune, "Ready for duty", ma è un'ipotesi come un'altra, per ora....
« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:37:15 da mazwork »

Offline luigi.morolz

  • Post: 34
Re:Ciao a tutti
« Risposta #10 il: 12 Dic 2011, 18:16:36 »
Oppure, "Headin' home" (film muto americano del 1920), nose già presente su aerei (vedere, anche per la similitudine grafica, "La storia siamo noi" pag. 187).
Mandi.
« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:36:58 da mazwork »

Offline mazwork

  • Amministratore
  • Post: 3304
  • Responsabile catalogatore reperti.
Re:Ciao a tutti
« Risposta #11 il: 08 Mar 2018, 14:46:57 »
Il mistero si infittisce.
L'"emigrante" (allora bambino) ha confermato che era il 1944, ma non si ricorda se era primavera o autunno, certamente non dicembre, per via della mancanza di neve. L'aereo volava da sud a nord (e non viceversa come mi aveva detto un altro) ed era già in fiamme mentre era ancora in volo. Lo si vedeva benissimo perché veniva avanti (si tenga conto che l'allora bambino vedeva le cose dall'altezza di circa 900 m, in asse sulla rotta, mentre l'impatto è avvenuto molto più in basso) e scendeva piano-piano. Dopo l'impatto arrivarono subito i Tedeschi che circondarono la zona e ha potuto recarsi sul posto, col papà, solo alcuni giorni dopo. Non ha saputo confermare se l'aereo fosse inglese o meno. Forse tedesco (anche qui si parla di una donna!). La scritta originale sulle lamiere era di color nero (ora è rimasta solo l'impronta delle lettere).
Alla prossima. Mandi.

Quindi c'era anche qualcuno che aveva visto l'aereo provenire da Nord...
« Ultima modifica: 10 Mar 2018, 18:36:43 da mazwork »
Ad augusta per angusta