Autore Topic: Douglas A-20K Boston Mark V sn BZ590  (Letto 174238 volte)

0 Utenti e 3 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6211
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Ultima news, ma questa volta dall'Australia:
L'ambasciatore australiano a Roma, David Ritchie, desidera conoscermi di persona.
Anche questa volta non andrò a mani vuote, ho pensato ad una targa a nome di questa bella comunità.
Potevo rifiutare l'invito?  ;)
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6211
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Complimenti,

se tutte le cose a questo mondo fossero gestite così, con questa naturalezza ed anche con sentimento e poesia,  probabilmente vivremmo in paradiso .

Grazie...
Pensa che non sono presidente di nulla... Sono solo un utente come voi tutti con solo qualche potere in più come amministratore. Non sono a conoscenza delle procedure burocratiche, commetto tantissimi errori, mi sono fidato e ho dato me stesso, sopratutto in questa vicenda, a gente a cui volevo bene come un fratello senza pretendere NULLA in cambio e che invece... Ma evidentemente Dio c'è.   
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline manifold

  • Post: 938
questo episodio del ritrovamento varrebbe un incontro per festeggiarlo tutti insieme.
Bravi tutti.

 celestino

frogvenice

  • Visitatore
a proposito Fabio,  per la spesa della targa io contribuisco più che volentieri

ciao
Giampaolo

Offline Peval

  • Post: 119
Non sò cosa dire... sono emozionato, forse potrei mettere tante faccine... ti dirò solo Grazie Grazie Grazie per avermi coinvolto in questa bella avventura.
Paolo

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6211
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Ciao a tutti,
questa sera, sabato 21 settembre 2013, ho orgogliosamente rappresentato Archeologi dell'Aria, questa grandiosa comunità di appassionati e ricercatori, alla cena organizzata a Padova dall'Ambasciata Australiana a Roma in cui ero ufficialmente invitato.
Un gesto di amicizia e gratitudine per la collaborazione di tutta questa ricerca e nel recupero del loro connazionale.

Come portavoce dell'Ambasciata c'era Douglas Trappet, Primo Consigliere e Vice Ambasciatore dell’Australia con la moglie Robin,
Simone Guidorzi direttore del Museo di Felonica con la moglie Lara,
Silvia Zanovello, figlia del titolare del terreno con un'amica bravissima come interprete,
e infine io con Cinzia e Luca.

Una bellissima serata in bella compagnia.

Il Vice ambasciatore è rimasto colpito, affascinato ed emozionato nell'ascoltare tutta la vicenda del recupero e da quello che facciamo con il nostro hobby.
Si è emozionato tantissimo quando gli ho consegnato la nostra targa.

Un grazie a tutti.




 
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline manifold

  • Post: 938
Fabione e.........il bacio?  :friends:

Rallegramenti vivissimi .

 celestino

Offline frogvenice

  • Post: 350
Beh ..adesso si può consegnare tutto alla Storia . Secondo me,  il ritrovamento, essendo direttamente collegato a quel ( drammatico ) evento
è diventato Storia a sua volta.

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6211
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Lo so... Sono logorroico... Ma  questa storia e questo recupero, viene aggiornatoo con le novità che arrivano. Come del resto con tutte le ricerche che facciamo.

Fresco di stampa, dal nord dell'Australia, l'articolo apparso su un quotidiano dove parlano ancora dell'A-20 Boston...

Il famoso orologio di John Penboss Hunt, ritornato in Australia tra le mani dei famigliari dopo la cerimonia di consegna al Museo della 2GM di Felonica.

Un doveroso ringraziamneto alla famiglia di Wes, per averci inviato una copia del giornale.

« Ultima modifica: 23 Set 2013, 12:59:09 da Fabio Raimondi »
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

micky.38

  • Visitatore
AVERCENE di logorroici come te Fabio, che le cose LE FANNO senza tante balle e senza fare i fenomeni.... :clapping:

Offline wwmb43

  • Post: 216
complimenti !
come trasformare un hobby in qualcosa di molto bello


Offline mapo1955

  • Post: 95
Storie come questa ti riconciliano con te stesso . Penso che molto sia dovuto al fatto che le controparti appartengono ad un'altra cultura , quella anglosassone , in cui i fatti contano molto più delle apparenze . Nel nostro paese non credo siano possibili ; sembra che la storia , soprattutto se recente , sia un qualcosa che non ci appartenga e della quale ci si debba solo vergognare . ( Un po' è vero) . Comunque un grosso grazie a tutti voi per avere portato a termine questa opera e averci tenuti aggiornati .   

Offline wyngo

  • Post: 80
...ho letto ora degli ultimi sviluppi...sono davvero senza parole...
Bravi davvero, un pezzo di storia riconsegnato ai posteri, un fratello caduto tornato finalmente a casa e il genio italico esportato per fini nobili e umani  in un'angolo lontano del mondo...
Sono contento...un abbraccio.
Francesco
Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza - Leonardo da Vinci

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6211
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Ciao a tutti!
Vi informo che il 22 maggio 2014 arriverà dall'Australia un amico della famiglia Madge, parenti di Hunt.
Il motivo del lungo viaggio è lo spargimento delle ceneri di Jim Hunt , fratello di John Penboss Hunt, sul luogo di sepoltura al cimitero del Commonwhealth di Padova.

Il 27 giugno 2014, dal Galles, arriveranno i nipoti di David Raikes!
Le mete saranno il luogo del crash a Copparo, Museo di Felonica e cimitero di Padova.

In occasione di queste importantissime visite, vorrei preparare con voi, se possibile, una bella accoglienza.

Fabio
« Ultima modifica: 20 Mag 2014, 21:21:58 da Fabio Raimondi »
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline starfighter

  • Post: 153
  • Ricercatore Storico
:good: :good:
Purtroppo ci sarà (vedi certi post sul sito di un quotidiano in zona) chi non apprezzerà, ma sai che ti dico? CHI SE NE FREGA! Per me è un gesto bellissmo con un oggetto bellissimo e carico di storia, di significato e di pietà. La Pietà è la negazione della guerra, la guerra è la negazione della pietà, è un concetto semplice, ma c'è ancora chi fatica a capirlo.... Claudio Mischi può confermarlo, a Cavallara hanno perfino iscritto il nome del pilota di un P-38 caduto in zona sul monumento ai caduti del paese. Questo , al di là del gesto politico (di cui mi frega poco assai) è un gesto bellissimo di umana pietà, come il tuo!!! Bravo Fabio!

Non solo Cavallara, ma anche il Comune di Redondesco ha reso onore ai caduti americani, e anche il Micky c'era in quell'occasione (hem, io sono Claudio Mischi, quello di fianco alla donna)
« Ultima modifica: 20 Mag 2014, 21:30:09 da Fabio Raimondi »
Senza passato non c'è futuro