Autore Topic: SS Chakdina  (Letto 6602 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco S.

  • Post: 302
SS Chakdina
« il: 20 Mag 2011, 10:37:08 »
Si tratta di una nave, premetto, ma non sapevo dove inserire il topic..
Ho ricevuto questa mail, chiedo il vostro aiuto in merito.
Ho saputo consigliare solo Onorcaduti e qualche link in italiano... E' una storia toccante, mi piacerebbe poter dare una mano.


Hello Marco

I note in a very recent post you were offering to help someone locate the whereabouts of a POW camp.

My late Uncle was a POW in Campo 57, a place which I visited in 2000. I was treated as a very honoured guest on my visit for it was in that camp that my Uncle decided to become a Priest. He returned to the site of Campo 57 in 1993 not long before he died and said a Mass in the newly restored chapel which he and his fellow prisoners had built in 1942.

My father was shipwrecked on the SS Chakdina which sank on the evening of the 5th of December 1941 shortly after it left Tobruk to sail to Alexandria with a large number of Allied wounded soldiers and approximately 100 German and Italian POW's aboard.

My request is this; where might I find the names of those unfortunate Italian POW's who died when the ship sank. We want to publish a book about the incident and we would like to honour all those who died by including the names of those Italians who died.

Are you able to suggest where I might look?

Sincerely





http://www.aereimilitari.org/forum/t...erra-mondiale/


Il 1° dicembre tre S. 79 della 279^ Squadriglia guidati dal capitano Giulio Marini, che aveva per gregari i tenenti Aligi Strani e Giuseppe Coci, attaccarono, presso Marsa Luck, una formazione di tre cacciatorpediniere della Mediterranean Fleet, colpendo il Jackal. L’esplosione del siluro ridusse la poppa del cacciatorpediniere ad un ammasso di ferraglia. Tuttavia il Jackal riuscì a raggiungere Alessandria, rimorchiato dal sezionario Jaguar, alla velocità di 14 nodi.
Infine, il 5 dicembre, il tenente Guglielmo Ranieri attaccò presso Marsa Luck il convoglio TA 1, e determinò il rapido affondamento del piroscafo ausiliario Chakdina, che trasportava 300 soldati britannici e 100 e prigionieri italiani evacuati da Tobruck, tra cui il generale tedesco von Ravenstein. Poco prima di essere colpita la Chakdina aveva evitato il siluro sganciato dal capitano Massimiliano Erasi, comandante della 284^ Squadriglia A.S. – da poco tempo dislocata in Libia – mentre un suo gregario, il tenente Alfredo Pulzetti, dopo aver visto nella stessa zona una nave semisommersa, che era certamente la Chakdina, lanciò il siluro contro un presunto incrociatore, mancando il bersaglio.

http://www.eaf51.org/newweb/Documenti/Storia/Erasi.pdf

« Ultima modifica: 20 Mag 2011, 10:42:24 da Marco S. »
Marco  Una salus victis, nullam sperare salutem

micky.38

  • Visitatore
Re: SS Chakdina
« Risposta #1 il: 20 Mag 2011, 13:05:02 »
Era una nave che aveva già servito nella Grande Guerra!!! Qui i fatti come raccontati nel New Zealand Electronic Text Center:

Sinking of SS Chakdina
At half past five on the afternoon of 5 December the SS Chakdina left Tobruk harbour carrying 380 wounded, of whom 97 were New Zealanders. The Chakdina was not a hospital ship, but her use had been arranged by the British ADMS in Tobruk. In addition to the wounded she had on board some officers and men who were going to Baggush to resume duties with HQ 2 NZ Division. Among them were Maj M. Williams, OC 4 Field Hygiene Section, WO I R. W. Cawthorn,18 and two men of ADMS's staff. Just after nine o'clock an enemy plane released a torpedo, which exploded in one of the after holds of the Chakdina. She sank within three and a half minutes. There was very little chance of escape, except for those who were unwounded or only lightly wounded, and who were in a favourable position at the time. Only 18 of the New Zealand wounded were picked up by the destroyer HMS Farndale, which also rescued all except one of the Divisional Headquarters medical staff. The survivors reached Alexandria on 7 December, and the casualties were admitted to the detachment of 3 NZ General Hospital there. The sinking of the Chakdina was the only major misfortune in the evacuation of New Zealand wounded during the war.


micky.38

  • Visitatore
Re: SS Chakdina
« Risposta #2 il: 20 Mag 2011, 13:08:39 »

micky.38

  • Visitatore
Re: SS Chakdina
« Risposta #3 il: 20 Mag 2011, 13:09:52 »

micky.38

  • Visitatore
Re: SS Chakdina
« Risposta #4 il: 20 Mag 2011, 13:11:17 »
...occhio però che di CHAKDINA ce ne sono state due, la seconda ha navigato fino al 1978!!!

micky.38

  • Visitatore
Re: SS Chakdina
« Risposta #5 il: 20 Mag 2011, 13:16:56 »
Maggiori informazioni sul Chakdina ed elenchi di altri disastri similiari (vedi l'affondamento della Nino Bixio, 337 prigionieri del commonwealth affogati...) lo trovate qui:


http://www.aifpow.com/part_1__missing_in_action,_believed_pow/chapter_4__transportation_of_pow/a._by_sea

Offline Marco S.

  • Post: 302
Re: SS Chakdina
« Risposta #6 il: 20 Mag 2011, 14:23:28 »

Grande Micky... Ottimo.  :yahoo:

Ma sul versante italiano? Ci sarà ben una lista delle vittime, qualcosa..
Marco  Una salus victis, nullam sperare salutem

micky.38

  • Visitatore
Re: SS Chakdina
« Risposta #7 il: 20 Mag 2011, 14:58:38 »
Sul versante italiano siamo.... sul versante italiano... :angry2:

O ci si affida a parenti di reduci che hanno conservato memorie, o ci si imbarca in tediose e dispendiose visite in archivi, con la SPERANZA che qualcosa NON sia andato al macero, e che sia archiviato al posto giusto....

SAREI FELICE di essere smentito, grazie...

Offline pipistrello

  • Post: 792
Re: SS Chakdina
« Risposta #8 il: 20 Mag 2011, 17:12:49 »
Suggerisco di chiedere con lettera motivata all'Uff. Storico della Marina.
Nel caso ci fosse la lista potrei poi andare io a fotocopiare, tenendo presente che i tempi saranno un po' lunghi perchè dopo la risposta per accedere bisogna prendere un appuntamento.

micky.38

  • Visitatore
Re: SS Chakdina
« Risposta #9 il: 20 Mag 2011, 17:51:32 »
Suggerisco di chiedere con lettera motivata all'Uff. Storico della Marina.
Nel caso ci fosse la lista potrei poi andare io a fotocopiare, tenendo presente che i tempi saranno un po' lunghi perchè dopo la risposta per accedere bisogna prendere un appuntamento.

...Ma se i prigionieri erano fanti???? :blink:

Offline pipistrello

  • Post: 792
Re: SS Chakdina
« Risposta #10 il: 20 Mag 2011, 19:10:04 »
Di solito le notizie sugli affondamenti li hanno in marina e non in fanteria.
Battute a parte, di quale nazionalità era la nave?

micky.38

  • Visitatore
Re: SS Chakdina
« Risposta #11 il: 20 Mag 2011, 19:24:30 »
La mia non voleva essere una battuta: la nave era registrata come appartenente alla marina indiana, requisita dalla Royal Navy e impiegata come incrociatore ausiliario. Oltre ai 300 soldati del commonwealth feriti ed evacuati da Tobruk trasportava anche un centinaio di feriti prigionieri di guerra italiani, di fanteria.... per questo mi stupivo della tua domanda, non capisco come la marina italiana possa avere dati su 100 fanti morti su una bagnarola indiana.... se mai sono stati fatti degli elenchi....

Offline dino

  • Post: 537
Re: SS Chakdina
« Risposta #12 il: 20 Mag 2011, 19:41:51 »
La mia non voleva essere una battuta: la nave era registrata come appartenente alla marina indiana, requisita dalla Royal Navy e impiegata come incrociatore ausiliario. Oltre ai 300 soldati del commonwealth feriti ed evacuati da Tobruk trasportava anche un centinaio di feriti prigionieri di guerra italiani, di fanteria.... per questo mi stupivo della tua domanda, non capisco come la marina italiana possa avere dati su 100 fanti morti su una bagnarola indiana.... se mai sono stati fatti degli elenchi....

Ciao Micky, in effetti la Marina italiana non può avere il documento di carico di una nave battente bandiera estera, men che meno se da guerra.
Può darsi...e dico..può darsi, che tali documento (sempre se, come dici tu, sono stati fatti elenchi) esista agli archivi britannici, però, nel caso...direi...andarlo a trovare è situazione ardua...
Giusto per conoscenza, per quanto attiene l'Italia, l'Archivio Storico della Marina conserva la sola documentazione attinente le unità da guerra nazionali.
L'Archivio Storico della Guardia Costiera (che ha ereditato, tra l'altro, l'archivio del cessato Ministero della Marina Mercantile e, allo stato attuale, mano a mano che verranno versati i fondi, ciò che competeil proprio settore da parte dell'attuale Ministero delle Infrastrutture e Trasporti) conserva i fascicoli, ordinati per unità, delle sole navi e galleggianti battenti bandiera nazionale, ma mercantili, anche se requisite e/o militarizzate.
Ecco, in questi fascicoli, in casi specifici, si possono trovare ancora manifesti di carico e liste equipaggi e/o passeggeri.
Entrambi gli Archivi storici sono delle miniere d'oro, però...scordiamoci che abbiano la documntazione digitalizzata...quindi, per esperienza, quando uno deve accedervi: idee chiare e tanta pazienza!

Ciao a tutti :)  
« Ultima modifica: 20 Mag 2011, 19:43:22 da dino »

Offline Marco S.

  • Post: 302
Re: SS Chakdina
« Risposta #13 il: 21 Mag 2011, 19:15:55 »


Grazie per i consigli! Siete in gamba.  :)
Marco  Una salus victis, nullam sperare salutem

 


SimplePortal 2.3.7 © 2008-2021, SimplePortal