Autore Topic: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)  (Letto 25326 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline marquis

  • Post: 155
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #45 il: 02 Set 2011, 14:35:34 »

Tornando a Rivolto non capisco perchè ci dovrebbero essere due piste così vicine, mi riferisco alle tracce nell' aerofoto vicino Nespoledo e Galleriano.


E' esattamente uno dei motivi per i quali accampavo le mie perplessità di cui sopra. :good:!
Circa i raccordi, nonostante la lodevolissima idea, penso sia quasi impossibile mapparli tutti, erano una ragnatela!
Dalla zona di Lavariano si estendevano giù sino a superare Bicinicco e raggiungere S.Maria La Longa, almeno questo era il progetto. Sul libro di Sorè c'è uno schizzo proprio con tali decentramenti che riporta un'ennesima pista (in c.a.?) proprio in quest'ultima località, ingrandendo mi sembra ci sia scritto "in costruzione", quindi magari è rimasta solo sulla carta. Non ve ne è alcuna traccia nemmeno sulle aerofoto del 1954...

Offline manuelsame

  • Post: 3
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #46 il: 09 Set 2011, 00:17:13 »
Purtroppo nn sono un espertone di computer e neanche ce l'ho, cerco di combinare con quello della fidanzata, ci vorrà qualche giorno, ma combino.

Offline sidro007

  • Post: 8
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #47 il: 26 Set 2011, 08:47:43 »
Ciao AL e ciao a tutti quanti.
MI sono distratto un attimo per le ferie e siete andati avanti nel discorso..... :good:
Ho visto la nuova foto di AL con villaorba, e ci ho segnato quello che doveva essere l'ultima impostazione del campo di villaorba, o almeno quella che ci ricordiamo essere stata alla fine anni '70-inizio anni '80:
http://img220.imageshack.us/img220/6636/villaorba1consegnalazio.jpg
Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)


La P in blu segna con sicurezza una pista in cemento, mentre la "C" segna i resti di una palazzina che io ricordo crollata e ormai inesistente.
Ho segnato anche in verde quelli che quasi sicuramente erano buncher; quello più lontano è stato distrutto qualche anno fa per costruirci una casa, mentre quello contrassegnato con il numero 1 è ancora intero e visitabile.
Volevo far notare poi che i cosidetti prati ciasteò, proprietà del demanio, ormai sono ridotti a 1/4 dell'estensione della presente mappa, e si trovano tutti a ridosso della linea ferroviaria.

Per AL, l'inivito è sempre valido, noi tra 2 settimane a Villaorba siamo in festa. Io faccio parte della proloco e se vuoi ci possiamo trovare in quella occasione. Ho un'altra persona interessata all'argomento. Ciao.

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #48 il: 26 Set 2011, 09:14:01 »
Ciao Sidro, verrò a farvi visita.
In che giorni è la festa?
Spero non nei giorni in cui vado a vedere aerei ad Axalp.....
il mio n° è 368 3567171....se mi dai il tuo ti chiamerò per trovarti in mezzo alla sagra....

Ciao

  Alberto
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Freddy

  • Post: 986
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #49 il: 26 Set 2011, 23:28:02 »
B-17 41-24435

B-17F-5-BO s/n 41-24435
Originally delivered to the 92nd Bomb Group on June 2,1942.
Transfered to 240th BS, 97th BG on August 19,1942.
Transfered again on Nov. 14,1943 to 496th BS, 2nd BG and named "Yankee Do It".
Shot down by fighters on March 18,1944 during raid on Villaorba airfield, 3KIA, 7 POW.MACR 3259

1stLt. Theodore Griffith - pilot (KIA)
2ndLt. William C. Doyle - copilot (KIA)
2ndLt. Walter R. Swan - navigator (WIA,POW)
2ndLt. Allan A. Klute - bombardier (WIA,POW)
Sgt. Stephen M. Murinchack - engineer/top turret (KIA)
S/Sgt. Howard Lamont - ball turret gunner (POW)
S/Sgt. Nicholas A. Cannata - right waist gunner (POW)
Sgt. Harold L. Chandler - left waist gunner (POW)
S/Sgt. Edward A. Greenlaw - tail gunner (POW)
T/Sgt. Bernard E. McConnell - radio operator (POW)


Anche se non è in tema con la discussione in corso, credo possa essere interessante qualche notizia in più riguardo ai due B-17 visibili nelle foto postate da Al.

Il primo, lo "Yankee Do It" è in effetti precipitato tra Sezana and Vipava  a nord di Trieste e oggi in territorio Iugoslavo.

Il secondo invece è il B-17F-50-BO S/n 42-5439, "Pappy aka Good Enuf" del 99th BG 437th BS    Pilota 2nd Lt Gerald P. Lombard, 9 POW 1KIA   . Atterrato sul ventre nei pressi di Rivignano. Aveva perso parte della coda a causa, non di un razzo sparato da un caccia avversario come erroneamente indicato nel MACR, ma dello scoppio di una delle bombe sganciate dal velivolo che era sopra di lui. Quello che invece è detto correttamente è che lo scoppio era avvenuto durante il "bomb run", fase durante la quale i caccia avversari si allontanano perchè entra in azione la contraerea. L'esplosione, comunque troppo devastante per un razzo o per un colpo della contraerea, aveva scagliato fuori bordo il mitragliere di coda, lo Staff Sgt. Quentin G. Pike che era stato l'unico deceduto. Anche il comandante, Gerry Lombard, nelle sue memorie, parla chiaramente di una bomba sganciata dal velivolo in posizione superiore. Il resto dell'equipaggio, incolume, era stato immediatamente catturato. MACR 3355

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #50 il: 27 Set 2011, 11:03:29 »
Grazie Freddy, si che è in tema..... Così ci si rende conto quanto calda era la zona in quel periodo.....
Che fine può aver fatto il relitto del "Pappy aka Good Enuf" ?

Per quanto riguarda la carta di Villaorba modificata da Sidro: Possiamo considerare quella zona come la zona dove era dislocato il comando dell'aeroporto?
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Freddy

  • Post: 986
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #51 il: 27 Set 2011, 14:06:50 »
A dirti la verità non lo so. E' più facile che voi della zona riusciate a recuperare qualche ricordo dagli anziani del posto. Trovare qualcosa nelle documentazioni italiane è un'impresa notevolmente difficoltosa per non parlare di quelli tedeschi che, per buona parte sono andati perduti.
Credo, ma non lo so per certo, che il B-17 di Rivignano abbia fatto la stessa fine degli altri, cioè finito in fonderia in qualche parte della Germania. Per quel che ne so i tedeschi recuperavano quasi tutto e il poco che restava, magari perchè sotto terra o finito lontano, veniva poi portato via dalla gente del posto che lo utilizzava per farne gli oggetti più disparati, pentole, accendini, pantofole (con la tela) ecc. ecc. Per mia esperienza ti posso dire con certezza che gli aerei che non avevano fatto un bel buco per terra venivano fatti scomparire in pochi giorni. Pensa che ad Aiello, sull'aeroporto, dopo l' 8 settembre era rimasto un S-79, un FL-3 e un Caproncino oltre ad un autoblindo.. Due giorni dopo non ne era rimasto niente a parte il guscio dell'autoblindo che era troppo pesante per essere portato via.
A differenza di oggi, la miseria di quei tempi ti faceva aguzzare l'ingegno e trovavi sempre come adoperare un pezzo pregiato come quello di un aerao.
Mandi
Freddy

Offline marquis

  • Post: 155
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #52 il: 28 Set 2011, 12:57:55 »
Se può aiutare ecco la zona NE del campo di Villaorba in un raffronto tra il bombrun del 28/3/44 e la planimetria postata da Sidro007.

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #53 il: 20 Dic 2011, 10:31:57 »
Dal libro "I segni di una guerra" di Giacomo Viola a pag. 194:
"Carta delle opere militari nella zona del Medio Friuli curata da renzo Cipone di Nespoledo di Lestizza (da Las Rivas, dicembre 2000".
Le due piste a ovest e a sud-est di Nespoledo sono definite in "allestimento", sono quelle viste nella foto aerea.
Per quanto riguarda i raccordi sono completamente diversi, e l'unico bunker da me visto e fotografato è quello a ovest di Beano neanche riportato sulla carta. Interessante il lungo fossato anticarro. Cercando una sua traccia su google maps non ho visto niente.....
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #54 il: 20 Dic 2011, 17:52:56 »
Avevo sentito parlare di una macchina utilizzata dai tedeschi per fare piste e raccordi e poi ho trovato la conferma....
Sempre dallo stesso libro su citato e sempre a pag.194 la seguente immagine con la didascalia:
"Umberto Cordovado con la TODT nel '44 a Rivolto a fare piste per l'viazione tedesca"
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #55 il: 05 Gen 2012, 12:08:44 »
Dal libro "I segni di una guerra" di Giacomo Viola a pag.226, la testimonianza di Franco Zorzi di Rivolto:
"…gli Alleati arrivarono al campo di aviazione e me ne ricordo benissimo perché non avevo mai visto tanti aerei in vita mia come lì. Avevano trasportato anche tutti i materiali, tutte le cose e qui invece la gente non aveva nulla di nulla. Quindi qualsiasi cosa ci fosse, la rubavano…portavano via tutto! Mi ricordo che una volta gli Inglesi stavano a bere in osteria e mentre loro bevevano gli portarono via tutto il telo del camion: tagliarono le corde e via! Portarono via  anche le scarpe che avevano nella cabina del camion. Qualsiasi cosa veniva portata via perché qui, in effetti, non c'era nulla. Qui rubarono perfino un aeroplano! Era un aeroplano di quelli piccoli, da ricognizione, lo portarono a casa: attaccarono i cavalli davanti e lo portarono a casa! Non dico poi cosa succedeva con la benzina. Qui c'era un deposito di benzina con un mucchio incredibile di bidoni da due ettolitri; non c'erano cisterne. All'inizio non c'erano neppure le guardie nel campo…"

A pag. 227 Silvio Buttazzoni di Villaorba: "…gli Inglesi rimasero qui quindici giorni e poi arrivarono gli Americani che rimasero sei o sette mesi. Venivano nelle case a far lavare camice o pantaloni alle donne e davano in cambio roba da mangiare, soldi, stoffe…"
Luigi Battistuta di Beano: "…Arrivarono con le camionette e fecero un campo a un chilometro dal paese. C'erano anche Sudafricani, Sudamericani, c'era di tutto lì dentro e così mi intrufolai anch'io a fare il barbiere. Prendevo qualche lira, mi passavano sempre le sigarette, i passavano il caffè, mi passavano tutto quello che serviva…"
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline Al

  • Post: 400
  • Cp. Genio Pionieri Aquileia
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #56 il: 27 Gen 2012, 13:26:01 »
Ho girato la foto con il nord in alto.
E' evidente che la zona ripresa non è Villaorba ma Rivolto.
Si nota la pista di Rivolto, l'inizio dei lavori di costruzione dei raccordi, i due forti del 1912 e la Villa Manin.
Cp. Genio Pionieri Aquileia "Tenace, infaticabile, modesta"

Offline dino

  • Post: 532
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #57 il: 27 Gen 2012, 14:00:20 »
Ciao ragazzi,
purtroppo ho il tempo che mi rotrovo però, ho trovato questa in Fold3 che rilancio: :)

la didascalia sul retro dice: After the airdrome at Villaorba had had a dose of "daisy cutters," the fragmentation bombs dropped by heavy bombers, funeral pyres like the one in the lower left corner rose from the field above the smashed wrecks of Jerries caught by the raid.

Offline marquis

  • Post: 155
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #58 il: 30 Gen 2012, 09:25:38 »
Quest'ultima foto raffigura il cosiddetto settore Nord del campo. Per orientarla correttamente il fumo e quell'appendice scura vanno rivolte verso l'alto. Vedi anche l'area tratteggiata in giallo nell'aerofoto degli anni '50 al primo post della pagina precedente.

Offline sidro007

  • Post: 8
Re: Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)
« Risposta #59 il: 08 Mar 2012, 01:09:57 »
Salve, eccomi di nuovo a voi  :yahoo:
Ho letto le ultime novità e ho visto le foto degli ultimi mesi. Intanto ho chiesto un po in giro e queste sono le novità:
http://img269.imageshack.us/img269/5689/mix2e.jpg
Aeroporto Rivolto-Villaorba (UD)

Questo è un collage tra le varie foto e la mappa della zona presa da google maps.
Le ultime testimonianze smentiscono la posizione della pista che avevo inserito a settembre e la posizionano come segnalato tra le opere realizzate dala TODT, più o meno a meta via tra la strada villaorba-beano e la ferrovia, e l'ho segnata in scuro. I raccordi di uscita dalla pista mi dicono essere stati griglie metalliche di ferro appoggiate a terra.
Nella zona che prima ritenevo fosse presente la pista, quella cerchiata in rosso, c'era la costruzione che formava una delle 5 batterie per la contraerea presenti sul campo. Qui la chiamavano "la cantina" in quanto si trattava di una costruzione sotteranea formata presumibilmente da magazzini, sulla quale poggiava appunto la contraerea. Le altre stazioni erano più o meno(dicono)ai vertici del perimetro.
Stupefacente è stato per me sapere che nella stessa zona, dietro la contraerea e a fianco dell'unico rifugio rimasto in piedi c'era una piscina con 5 corsie realizzata in cemento, ora totalmente coperta. :blink:

Dal libro "I segni di una guerra" di Giacomo Viola a pag.226, la testimonianza di Franco Zorzi di Rivolto:
.........
A pag. 227 Silvio Buttazzoni di Villaorba: "…gli Inglesi rimasero qui quindici giorni e poi arrivarono gli Americani che rimasero sei o sette mesi. Venivano nelle case a far lavare camice o pantaloni alle donne e davano in cambio roba da mangiare, soldi, stoffe…"
Luigi Battistuta di Beano: "…Arrivarono con le camionette e fecero un campo a un chilometro dal paese. C'erano anche Sudafricani, Sudamericani, c'era di tutto lì dentro e così mi intrufolai anch'io a fare il barbiere. Prendevo qualche lira, mi passavano sempre le sigarette, i passavano il caffè, mi passavano tutto quello che serviva…"

Per qaunto riguarda il sig. Luigi, purtroppo non può più direci niente.....lo conoscevo da tanti anni, non abbiamo mai parlato del campo, peccato.
Per quanto riguarda il Sig. Silvio, essendo il fratello di mia nonna, penso che qualche info possa chiedergliela ancora... :friends:
« Ultima modifica: 08 Mar 2012, 01:18:54 da sidro007 »