Autore Topic: Localizzato il P-38 Lightning del 2nd Lt. Robert L. McIntosh, 1st FG MIA  (Letto 44593 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6159
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Mi prendo tutte le responsabilità ma devo pubblicare una lettera compilata dalla gentilissima Elena, moglie di Lanco...
La lettera è stata spedita via mail ai nostri amici di Washington che sono in contatto con i parenti di McIntosh.
 
Lo faccio perchè non essendo uno dei momenti più rosei per me e la mia famiglia, questa lettera mi ha in qualche modo spronato con una ventata di ottimismo e pelle d'oca... Mi ha incoraggiato... Spero abbiate la stessa reazione anche voi che leggete.

Villanova di Bagnacavallo, Ravenna, Italy.
22 August 2014
Dear Mrs. McIntosh,
my name is Elena Zauli and I write from Italy. My husband is a historical researcher of the second world war. Particularly he is specialized in the research of the combat aircrafts fallen in Italy during the last conflict.
Since many years, when I can, I help my husband in his research because we want to help remembering the men who gave up their lives in order to save Italy from the dreadful alliance with Germany.
My husband (Mr. Enzo Lanconelli), some months ago, has met an Italian military pilot who, as a boy, saw an American plane fall down among the hills near Rimini. This witness recalled that it had been impossible to identify the model’s plane. Besides, the German soldiers came immediately to the crash-site and prevented people from getting closer.
Nobody knows what happened of the body of the pilot.
Unfortunately, in the following  months, two American airplanes fell in the same area; the villagers were evacuated. There were terrible battles near there and so many were the dead soldiers. That’s the reason why the plain fallen in S.Cristina was forgotten.
I am talking of the plane your brother Robert.
I was with my husband and some researchers of the group “Archeologi dell’aria” when they went to search the plain’s fragments. We were in the hills near S. Marino and Rimini and walked along a bristly slope: among the cultivated fields we found exactly what we were looking for.
There were anywhere small fragments of a P-38 but they were so small that it was impossible to identify them. However the luck was at our side: from the clay a gun’s fragment emerged; it was very rusty and only after two days’ work we could read the registration number. It was the same number found on Robert’s plane.
One month after we returned in the same area and found the fragment of bone that allowed the DNA test.
Why do I write to you? Because I read the reports and letters that your father wrote when he came to Italy looking for his son. In those documents the sorrow of a father is so strong. I am mother of two children and, when I look at them, I think about your parents: the love that I have for my sons is identical to that of your parents: the sorrow for the death of a son is a wound that cannot be forgotten.
I feel shame and a great sadness because the freedom that today we do not appreciate is the gift that your brother – together with numerous young Allied soldiers – granted to us.
Unfortunately we do not know where Robert McIntosh is now buried.
I believe and think that Robert may lie in that small field in the mild hillocks of our mountains “Appennino Romagnolo”. It is a place full of light and immensely beautiful, a place of peace and silence.
My husband and the group of “Archeologi dell’aria” contacted the Museum of the 2° world war of Sogliano: the more important pieces of your brother’s P-38 will be exposed there in few months (probably November 2014). I hope you appreciate this decision.
I cannot, with my words, tell you all of my sentiments.
With my warmest regards.    Elena


E questa è stata la risposta da un amico della famiglia McIntosh:
This evening (Friday) I received a call from Mr. James Baker, the husband of one of the sisters to the deceased pilot.( Robert L. McIntosh) He received the letter that I had sent to him that Enzo's wife wrote and he was so greatful as were the sisters who, when it was read to them had tears in their eyes.
He wanted me to express their heart felt appreciation to you and your research group for your work and to send a very " God Bless" to each and every one of you for your work and recovery.
Jim


Riporto quanto ho scritto nel nostro portale su facebook:
Bastano poche righe per renderci orgogliosi della passione che abbiamo nella ricerca. Poche righe per ripagarci delle ore di viaggio, i pernottamenti, le spese per i sondaggi tra il diesel e i pedaggi... Le ore strappate alle nostre famiglie e quant'altro.
Bastano poche righe...

Sempre più orgoglioso di far parte di questa Comunità.
Grazie a tutti voi.
Fabio
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline mazwork

  • Amministratore
  • Post: 3425
  • Responsabile catalogatore reperti.
Bastano poche righe, confermo...
Ad augusta per angusta

Offline andrea

  • Socio AdA
  • *
  • Post: 370
Questa la nostra paga..e che paga!
Fiero di essere "one of the few"
Bellissime le parole di Elena
Andrea

Offline frogvenice

  • Post: 349
Come ha detto in maniera così toccante Elena, non si può restare indifferenti allo strazio di un genitore che cerca disperatamente notizie di suo figlio. Qualcuno ha detto e da genitore condivido , non si dovrebbe mai sopravvivere ai propri figli.

Offline cmond

  • Post: 327
parole toccanti ... leggere queste lettere è veramente appagante

lanco67

  • Visitatore
Non mi aspettavo di vedere la mia lettera pubblicata sul forum… . Ci ho messo un anno tra pensieri e tentennamenti prima di decidermi di scriverla. Non ero certa che essa potesse giungere gradita alle sorelle McIntosh essendo la mia portatrice di tristi ricordi e cicatrici mai suturate.
Desidero ringraziare Jim per la solerzia con la quale ha fatto pervenire la lettera ai destinatari e tirare le orecchie a Fabio per la passionalità con la quale ha diffuso il mio scritto. In effetti, la lettera era privata e l’avevo fatta pervenire a Fabio solamente in via personale perché comunque sapesse quanto stavo facendo, ma ben comprendo e infine condivido la sua scelta ultima di averla divulgata: se il mio scritto in effetti non ripaga nessuno di nulla e altro non è che uno stringere accoratamente le mani di chi soffrì a causa della guerra, è altresì vero che le parole delle sorelle McIntosh sono per voi tutti, più ancora che per me. E io mi unisco a loro, semplicemente.  Elena

Offline saetta

  • Post: 42
Buona sera ragazzi e ragazze, ho letto con una grandissima attenzione, una splendida ammirazione, e un po' di sana invidia, tutte le vostre ricerche sul campo e negli archivi. Mi vengono in mente molte cose da dirvi, per congratularmi per ciò che avete fatto, ma userò il Bignami e quindi utilizzo due parole: SIETE FANASTICI ! :hi:
« Ultima modifica: 26 Lug 2016, 09:40:03 da mazwork »

Offline mazwork

  • Amministratore
  • Post: 3425
  • Responsabile catalogatore reperti.
Elena, hai fatto bene a scriverla. E Fabio ha fatto bene a pubblicarla. Credo che anche Robert la pensi così...
Ad augusta per angusta

Offline jnmig38

  • Post: 2
Congratulations on your great handling of the Mc Intosh crash site and follow through with the Mc Intosh family!  Elena's letter reflects the compassion of your group.  I would appreciate it if you would send Mr. James Baker my email address so I can contact him and the McIntosh
family with expressions from the 1st Fighter Association.   Thank you!

I view your forum daily to view all of your successes.  Gracious!

Jim

Offline flying dutchman

  • Post: 116
Bravi  :yes:
« Ultima modifica: 26 Lug 2016, 09:41:36 da mazwork »

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6159
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Era una cosa che volevo fare dal recupero di McIntosh. Grazie per il promemoria...
Fatto.
 :good:
« Ultima modifica: 26 Lug 2016, 09:41:19 da mazwork »
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6159
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Il caro Josh comunica che hanno concluso positivamente l'identificazione di McIntosh e che verrà sepolto a Tipton, Indiana, il 13 agosto 2016. Fantastico!
salutomilitare
« Ultima modifica: 26 Lug 2016, 09:41:57 da mazwork »
Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)

Offline Nibbio4

  • Post: 174
Ciao,
sono riusciti ad identificare dove è stato sepolto dopo il passaggio del fronte?

Enrico
--------------------------------------------------------------------------- Enrico da Rimini

Offline mazwork

  • Amministratore
  • Post: 3425
  • Responsabile catalogatore reperti.
Non ho notizie fresche sull'argomento, avrei bisogno di un commento del Lanco. Lo scorso anno il team misto DPAA-AdA trovò anche le "Wings" e uno dei gradi in metallo di McIntosh. I ritrovamenti mi furono mostrati da Paul. Siamo poi certi che fu portato via qualcosa all'epoca, come nel recente caso di Hintz?
« Ultima modifica: 30 Lug 2016, 08:17:22 da mazwork »
Ad augusta per angusta

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6159
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
The family of Army Air Forces 1st Lt. Robert L. McIntosh, 21, of Tipton, Indiana, asked us to send you today's news release (attached) on the identification of his remains. He will be buried August 13 in his hometown.

On May 12, 1944, McIntosh was assigned to the 27th Fighter Squadron, 1st Fighter Group, and was the pilot of a single-seat P38 aircraft, on a strafing mission against an enemy airfield in Piacenza, Italy. Due to poor weather conditions, the flight leader missed their intended target and began flying south. Following a brief air battle over Bologna, visibility worsened and the pilots were ordered to climb above the overcast. McIntosh's aircraft was observed diving through the clouds and was not seen again.

His brother-in-law, James Baker, is available for interviews if you would like to contact him, at (317)439-9500.

~Fulfilling Our Nation's Promise~

SSG Kristen Duus
Chief of External Communications
Public Affairs NCOIC- D.C. Directorate
Defense POW/MIA Accounting Agency


Presidente di Archeologi dell'Aria, associazione di promozione sociale - Sede Museale di Ambrogio (Ferrara)