PRESERVARE NEL TEMPO LA CULTURA AERONAUTICA - EVENTI CULTURALI > LA PULIZIA DEI REPERTI

ruggine o comunque ossidi

(1/3) > >>

pipistrello:
Tempo addietro consiglia a Manifold di usare il "Remox" per rimuovere la ruggine dai reperti.
Ho fatto recenti prove con l'acido ossalico sia su ferro che alluminio e i risultati sono stati superiori, anzi ottimi.
Dosi: 1 cucchiaino di ac. ossalico ogni tre litri di acqua.
Immersione per 24 ore, poi lavaggio e leggera spazzolatura con spugnetta ruvida da cucina.
Ripetere il ciclo fino a risultato voluto, poi tenere in acqua con bicarbonato per 24 ore. indi lavare e asciugare.

franzisket:
...perfetto!!!...ho provato anch'io e funziona benissimo.....ma....due domande.....
prima domanda: la soluzione si può riutilizzare?...se si per quante volte?
seconda domanda: la soluzione ottenuta come si smaltisce? (semplicemente giù per il lavandino?)......

pipistrello:
Come tutte le soluzioni che reagiscono chimicamente, dopo un po' si esauriscono, io uso la stessa soluzione per 2/3 giorni, poi se devo continuare  la cambio.
Per lo smaltimento hai due possibilità:
1) ti rivolgi a ditta specializzata e autorizzata che ogni volta con la modica spesa di un centinaio di Euro ti risolve il problema.
In questo caso non puoi portare tu la soluzione esausta perchè non sei una ditta autorizzata al trasporto, devono venire loro.
2) la lasci cadere inavvertitamente nel lavandino. (O quanto mi dispiace! Non l'ho fatto apposta).

P.S. la quantità di acido ossalico è minimale e non inquinante, viene usato anche per disinfestare gli alveari dai parassiti delle api.

Fabio:
http://www.carloerbareagenti.com/Repository/DIR199/ITCH1114.htm

* 1 Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa
    Dati del prodotto
    Denominazione commerciale: Acido ossalico
    SDS N°: CH1114
    Utilizzazione della Sostanza / del Preparato Reagente per Laboratorio
    Produttore/fornitore:

    Carlo Erba Reagenti
    Strada Rivoltana Km 6/7
    I-20090 Rodano
    Tel.: 0039 02 953251

    Informazioni fornite da: Q.A / Normative
* 2 Composizione/informazione sugli ingredienti
    Caratteristiche chimiche:
    Numero CAS                                                             
    144-62-7 acido ossalico
    Numero/i di identificazione
    Numero EINECS: 205-634-3
    Numero CEE: 607-006-00-8

  3 Identificazione dei pericoli
    Classificazione di pericolosità: Xn Nocivo
    Indicazioni di pericolosità specifiche per l'uomo e l'ambiente:
    R 21/22 Nocivo a contatto con la pelle e per ingestione.

  4 Interventi di primo soccorso
    Indicazioni generali:
    I sintomi di avvelenamento possono comparire dopo molte ore, per tale motivo è necessaria la sorveglianza di un medico nelle 48 ore successive all'incidente.
    Inalazione:
    Portare in zona ben areata, in caso di disturbi consultare il medico.
    Contatto con la pelle:

    Generalmente il prodotto non è irritante per la pelle.
    Contatto con gli occhi:
    Lavare con acqua corrente per alcuni minuti tenendo le palpebre ben aperte.
    Ingestione: Chiamare subito il medico.

  5 Misure antincendio
    Mezzi di estinzione idonei:
    CO2, polvere o acqua nebulizzata. Estinguere gli incendi di grosse dimensioni con acqua nebulizzata o con schiuma resistente all'alcool.
    Rischi specifici dovuti alla sostanza, ai suoi prodotti della combustione o ai gas liberati:
    In difetto di ossigeno: monossido di carbonio (CO)

    Mezzi protettivi specifici:
    Non sono richiesti provvedimenti particolari.

  6 Provvedimenti in caso di dispersione accidentale
    Misure cautelari rivolte alle persone:
    In caso di vapori/polvere/aerosol adottare protezioni respiratorie.
    Misure di protezione ambientale:
    Impedire infiltrazioni nella fognatura/nelle acque superficiali/nelle acque freatiche.
    Metodi di pulitura/assorbimento:

    Smaltimento del materiale contaminato conformemente al punto 13.
    Raccogliere con mezzi meccanici.

  7 Manipolazione ed immagazzinamento
    Manipolazione:
    Indicazioni per una manipolazione sicura:
    In caso di formazione di polvere procedere all'aspirazione.

    Indicazioni per prevenire incendi ed esplosioni:
    Non sono richiesti provvedimenti particolari.

    Stoccaggio:
    Requisiti dei magazzini e dei recipienti:
    Non sono richiesti requisiti particolari.
    Indicazioni sullo stoccaggio misto: Non necessario.

    Ulteriori indicazioni relative alle condizioni di immagazzinamento:
    Nessuno.

* 8 Protezione personale / controllo dell'esposizione
    Ulteriori indicazioni sulla struttura di impianti tecnici:
    Nessun dato ulteriore, vedere punto 7.

    Componenti i cui valori limite devono essere tenuti sotto controllo
    negli ambienti di lavoro:                                             
    Acido ossalico
    TLV: Valore a breve termine: 2 mg/m3
         Valore a lungo termine: 1 mg/m3
    Ulteriori indicazioni:

    Le liste valide alla data di compilazione sono state usate come base.

    Mezzi protettivi individuali: -
    Norme generali protettive e di igiene del lavoro:

    Tenere lontano da cibo, bevande e foraggi.
    Lavarsi le mani prima dell'intervallo o a lavoro terminato.
    Evitare il contatto con gli occhi e la pelle.

    Maschera protettiva:
    Non necessario.
    Filtro P2, in caso di lavorazioni che producono polvere.
    Guanti protettivi: Guanti protettivi

    Materiale dei guanti Guanti in gomma

    Tempo di permeazione del materiale dei guanti
    Richiedere dal fornitore dei guanti il tempo di passaggio preciso il quale deve essere rispettato.
    Occhiali protettivi: Non necessario.

pipistrello:
Pare 'nna bombatommica!!!

Io ho un regolare contratto di smaltimento con ditta autorizzata dal costo di circa 1.000,00 Euro all'anno.

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa