Autore Topic: Milano  (Letto 3201 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline marino63

  • Post: 69
Milano
« il: 01 Nov 2011, 18:16:55 »
Oggi ho fatto una passeggiata in centro e così ho recuperato qualche immagine per voi.

Immagine 26: una delle ultime case danneggiate dalle bombe, di fianco a Piazza Fontana.

Immagini 28, 29 e 30: segni delle schegge sulla porta centrale del Duomo

Immagine 31: casa distrutta dalle bombe all'incrocio delle 5 vie, vicino a Piazza Cordusio, stanno per costruirci un palazzo nuovo e tra poco tempo sarà tutto cancellato

Immagine 27: non c'entra nulla con i segni della guerra ma... era li davanti al Palazzo Reale... mi sembrava brutto non fotografarlo.

Offline Fabio

  • Amministratore
  • Post: 6320
    • Il Forum dell'AdA - Associazione di Promozione Storico Culturale.
Re: Milano
« Risposta #1 il: 01 Nov 2011, 21:01:49 »
grazie Marino!
Presidente di Archeologi dell'Aria APS

Offline Marco S.

  • Post: 302
Re: Milano
« Risposta #2 il: 05 Nov 2011, 13:56:13 »


Ci sono passato (in bici) venerdì... tutto vero quel che hai scritto (e fotografato).
Vicino alla Fondazione Mattei, dove lavoro, c'è ancora l'iscrizione di un rifugio antiaereo. Nel mio libro ho esaminato anche queste vicende, poiché inizialmente mi era stato fatto credere che il relitto del Monte Voghel, da me ritrovato, fosse quello di un Lancaster colpito su Milano la notte del 7-8 agosto 1943. E proprio in quella notte la famiglia di mia nonna perse tutto: casa, negozio, una piccola fabbrica con annesso ufficio in via Volta, tra Largo La Foppa ed il cimitero Monumentale, o meglio i Bastioni, per chi conosce un po' Milano.
Inutile dirvi che mi sento ancora molto coinvolto in queste lontane vicende.. Ogni mattina, passando (frenando!) davanti a Santa Maria delle Grazie, ricordo le immagini di quella stessa chiesa senza più mura laterali e soffitto, del Cenacolo miracolosamente (è il caso di dirlo) intatto dopo i bombardamenti. La chiesa sorge a dieci metri dalla mia scrivania, metro più e metro meno. Difficile non pensare a tutto questo e poter credere che le genti da cui provengono i miei amici e colleghi stranieri abbiano fatto questo.

Passo ogni giorno davanti al Fatebenefratelli, che era stato sventrato sempre in quell'agosto 1943.. studiavo in Sormani, sono stato mille volte a Brera. La mia nonna ha visto cadere alcune guglie del Duomo, per gli spostamenti d'aria. Incredibile passarci ora. Vien da chiedersi, vabin, ma è successo davvero?

Grazie per le tue foto, mi ha fatto piacere vederle.
Marco  Una salus victis, nullam sperare salutem

Offline marino63

  • Post: 69
Re: Milano
« Risposta #3 il: 05 Nov 2011, 15:38:30 »
grazie Marco,

da qualche parte dovrei avere un libro degli anni 50/60 con le foto di Milano bombardata, mi piacerebbe fare un "ieri e oggi" ma mi ci vorrà un po' di tempo.

Offline Marco S.

  • Post: 302
Re: Milano
« Risposta #4 il: 06 Nov 2011, 09:45:41 »
grazie Marco,

da qualche parte dovrei avere un libro degli anni 50/60 con le foto di Milano bombardata, mi piacerebbe fare un "ieri e oggi" ma mi ci vorrà un po' di tempo.

Ciao, ci sono parecchi libri in merito, li avevo consultati sempre nell'ambito della ricerca di cui sopra. "Bombe sulla città" di Achille Rastelli. I vari libri di Bonacina, tra cui "Le bombe dell'apocalisse" e "Obiettivo Italia". Per non parlare poi dei giornali, come il "Corriere", l'"Ambrosiano", l'"Italia"... Anche "La Stampa". Immagini davvero impressionanti.
Marco  Una salus victis, nullam sperare salutem

 


SimplePortal 2.3.7 © 2008-2021, SimplePortal